L’indagine

Rapina in banca nel 2017 da 200mila euro, indentificato uno dei presunti autori grazie all’esame del Dna

In quattro erano riusciti ad avere accesso alla cassaforte dell’Ubi di Cosenza minacciando con un taglierino un dipendente

12
di Redazione
22 gennaio 2022
19:11

Personale della Squadra mobile di Cosenza ha arrestato, in esecuzione di un'ordinanza emessa dal gip, un cosentino ritenuto responsabile, in concorso con altre persone allo stato non identificate, di rapina aggravata in una banca, di sequestro di persona di alcuni dipendenti e clienti e di porto abusivo di arma da taglio.

La rapina era stata compiuta l'11 luglio 2017 ai danni dell'istituto di credito Ubi Banca di Cosenza. Nell'occasione, quattro soggetti si erano impossessati di 200mila euro contenuti nella cassaforte. I banditi, travisati, erano riusciti ad avere accesso alla cassaforte grazie alle minacce perpetrate con un taglierino rivolte ad un dipendente e con il sequestro, in una stanza, di alcuni dipendenti e clienti, al fine di agevolarsi la fuga.


Le indagini, coordinate dalla procura di Cosenza, avevano portato ad accertare che i rapinatori si erano allontanati a bordo di un’auto rubata che, immediatamente ritrovata, permetteva anche il rinvenimento di una calzamaglia usata per il travisamento da parte di uno dei rapinatori. L'attività di repertazione effettuata sul posto dagli investigatori ed i successivi esami genetici, realizzati dal Gabinetto regionale polizia scientifica di Palermo, sui reperti biologici rinvenuti sulla calzamaglia, hanno consentito di risalire al profilo genetico dell'indagato.

I risultati hanno consentito alla procura di chiedere un provvedimento restrittivo a carico del soggetto, emesso dal Gip. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, è stato rintracciato a casa dove era sottoposto agli arresti domiciliari per un'altra causa, ed è stato condotto in carcere.

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top