Reggio, coniugi arrestati per spaccio di droga

La coppia dedita alla vendita della sostanza stupefacente, annotava in maniera certosina su un foglio sia le quantità che le somme di denaro provento da tale attività illecita

di Redazione
12 febbraio 2017
09:53
Reggio, radiomobile
Reggio, radiomobile

Continua senza sosta il controllo del territorio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, attuato attraverso tutte le Compagnie dislocate sull’intera provincia.

 

Mirati servizi tesi ad infrenare tale fenomenologia criminale, sono diuturnamente svolti da tutte le articolazioni territoriali dell’Arma.

 

In tale ottica, i Carabinieri della Compagnia cittadina diretta interinalmente dal Tenente Alessandro Bui, attraverso l’impiego dei Reparti dipendenti, per mezzo dell’attuazione dei numerosi posti di controllo ed il monitoraggio delle zone più sensibili al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, nonché l’osservazione di soggetti ritenuti di interesse operativo per tale fattispecie di reati, nella mattinata dell’11 febbraio 2017, in Reggio Calabria, i Carabinieri della Stazione di Reggio Calabria - Rione Modena, agli ordini del maresciallo aiutante Andrea Levi, nel corso di una perquisizione domiciliare traevano in arresto flagranza di reato poiché ritenuti responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, G.S.F. e A.V., rispettivamente di anni 41 e 35, due giovani coniugi reggini, e l’uomo già noto alle forze dell’ordine.

 

Nello specifico, i Carabinieri, nel corso di una perquisizione domiciliare effettuata presso l’abitazione dei predetti, rinvenivano oltre 500 grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”, suddivisa in 8 involucri termosaldati di plastica, un bilancino di precisione per la pesatura e la successiva vendita al dettaglio nonché materiale vario per il confezionamento.

 

La coppia dedita alla vendita della sostanza stupefacente, annotava in maniera certosina su un foglio sia le quantità che le somme di denaro provento da tale attività illecita. L’ entità della sostanza rinvenuta, per qualità e quantità, connessa altresì alla tecnica di confezionamento ed al ritrovamento di strumentazione idonea alla pesatura, evidenzia la rilevanza dell’attività di spaccio posta in essere dai coniugi.

 

Tutto il materiale rinvenuto e la sostanza stupefacente, venivano posti sotto sequestro ed i due coniugi, dichiarati in stato d’arresto. Al termine delle formalità di rito, sono stati condotti alla Casa circondariale di Arghillà in attesa della celebrazione del rito direttissimo così come disposto dalla competenze Autorità Giudiziaria.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio