Reggio, i medici di base lasciano la campagna vaccinale: «Presi in giro dalla Regione»

La denuncia della Fimmg che scrive al prefetto Mariani: «Si palesa in tutta evidenza la miopia di chi dirige ed è sempre pronto a porre paletti per evitare un coinvolgimento della categoria»

53
di Elisa Barresi
24 maggio 2021
11:47

Non potevano rimanere in silenzio a fare da muro di gomma tra la Regione e i pazienti. Così, dopo le ultime contraddittorie e paradossali comunicazioni, i medici di base di Reggio Calabria hanno formalizzato scrivendo al Prefetto di volersi ritirare dalla campagna vaccinale. Una decisione drastica nata da una condizione che i medici di famiglia non riescono più a gestire. «Ci hanno detto giorno 18 maggio che avremmo dovuto iniziare le vaccinazioni per i nostri pazienti fragili e over 80, quindi che necessitano di Pfizer o Moderna, per poi mandare il giorno una comunicazione con allegata una tabella dove si evince che all’Asp di Reggio Calabria sono destinate zero dosi di entrambi i sieri. Questo dopo che ci hanno fatto comunicare ai nostri pazienti di poter prenotare la loro vaccinazione. Tutto questo non ha senso». Questo lo sfogo del medico Salvatore Oriente che come tanti suoi colleghi reggini ha dovuto constatare l’amara realtà.

«Ci ritiriamo»

Per questo motivo la Fimmg di Reggio Calabria ha scritto al Prefetto Massimo Mariani comunicando che «In ambito sanitario siamo alle solite: con motivazioni che non hanno nulla di evangelico ci si sta muovendo in modo che”la sinistra non sappia ciò che fa la destra” . Capita così che nella circolare inviata ieri dal Generale Figliuolo vengano invitate le regioni a un coinvolgimento massivo dei medici di famiglia per assicurare un approccio qualitativo e di prossimità alle persone anziane e fragili, in Calabria i responsabili regionali della campagna vaccinale pongono frequenti e periodici lacci burocratici che dimostrano completa ignoranza del setting della medicina generale e del ruolo che gli appartenenti alla categoria occupano all’interno del sistema sanitario nazionale in qualità di liberi professionisti convenzionati , soggetti esclusivamente agli obblighi convenzionali.


Nonostante i buoni risultati ottenuti dall’Asp di Catanzaro dal coinvolgimento dei medici di famiglia grazie alla stipula di un precedente accordo snello simile al nostro, si palesa in tutta evidenza la miopia di chi dirige ed è sempre pronto a porre paletti per evitare un coinvolgimento della categoria. Viene da credere che si arrivi a considerare gli allettati, i fragili e gli aver 80 alla stessa stregua di munizioni e carburante utili per acquisire una medaglia al valore, non avendo capito che con la medicina generale i controlli si debbano fare a consuntivo essendo il setting completamente diverso da quello che governa i centri vaccinali.

Con sommo rammarico comunichiamo che a livello provinciale la nostra categoria da questo momento si ritira ufficialmente dalla campagna vaccinale fino a quando non saranno adottate procedure snelle in perfetta sintonia con le linee di semplificazione che il Premier Draghi ha annunciato ed è determinato a realizzare insieme con tutto ilGoverno. Non temiamo smentita nel sostenere che la burocrazia è una sciagura che ha pesantemente contribuito afrenare crescita e sviluppo nel nostro Paese. Non ci aspettavamo , comunque, che proprio chi era stato nominato per migliorare una Sanità allo sbando nella nostra regione ci mettesse del suo per frenare gli slanci generosi di una categoria come la nostra che ha sempre fatto il suo dovere ed è stata bloccata da lacci e lacciuoli vari. Ci è statoimpedito di fare quello che potevamo e volevamo fare. Quasi non bastasse ci siamo ritrovati nell’incomoda posizione di chi si è ritrovato , per dirla con un’espressione volgare ma efficace, “col fondoschiena rotto e senzaciliegie”.

Siamo stati accusati di essere dei lavativi, siamo stati accostati a chi tende a defilarsi nel momento del bisogno collettivo. Un’accusa che è semplicemente vergognosa. Abbiamo le scatole piene e non accettiamo più di sentire chi non ha neanche l’idea di cosa voglia dire gestire una materia delicata come la Sanità Pertanto, come Medici di Famiglia chiediamo di non vederci attribuita la responsabilità di un ritiro (forse sarebbe il caso di parlare di qualcosa che non ha mai avuto inizio) dovuto essenzialmente all’inefficienze di un sistema arcaico, poliziesco e inefficiente. Quasi non ci bastassero i politici locali, che non hanno dato mai econtinuano a non dare segnali di efficienza, ci siamo trovati a doverci confrontare con autori di iniziative che,nonostante tutti gli sforzi, non riusciamo a comprendere.

Basti pensare agli ostacoli che sono stati disseminati lungo ilpercorso che avevamo tracciato siglando un protocollo con l’Asp di riferimento che avrebbe portato ad ottenere gli stessirisultati dell’asp di Catanzaro grazie ad un accordo snello e, soprattutto, fiduciario nei confronti dei Medici di MedicinaGenerale. Ci ha pensato il solito burocrate . Ci ha pensato il solito burocrate che non puntava al successo dellacampagna vaccinale nella provincia di Reggio, in linea con quanto si stava registrando nelle altre provincecalabresi, ma ha ricercato, per motivi che obiettivamente ci sfuggono, a una vittoria personale. Quella che a tuttigli effetti è stata da considerare come “una bella vittoria di Pirro”». Dure le parole del dottor Bruno Cristiano Segretario Generale Provinciale FIMMG che al Prefetto ha illustrato una situazione disarmante che, alla fine come sempre, grava sulle spalle dei cittadini.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top