Reventinum, chiesta la revoca della misura cautelare per Luciano Scalise

L'indagato è accusato di essere il mandante dell'omicidio dell'avvocato lametino Francesco Pagliuso nonché promotore dell'organizzazione criminale con base a Soveria Mannelli

2
di Luana  Costa
5 marzo 2019
13:50

Dovrà pronunciarsi al massimo in due giorni il Tribunale della Libertà di Catanzaro sulla misura cautelare applicata a Luciano Scalise, arrestato nell'ambito dell'operazione Reventinum con l'accusa di essere il mandante dell'omicidio del penalista lametino Francesco Pagliuso e di essere il promotore dell'omonima organizzazione criminale con base a Soveria Mannelli. Questa mattina si è svolta in videoconferenza l'esame dell'imputato ristretto nel carcere di Terni e difeso dagli avvocati Piero Chiodo e Antonio Larussa. I due legali hanno avanzato richiesta di revoca della misura cautelare contestando le accuse mosse dalla Procura che troverebbero fondamento nelle dichiarazioni rese da due collaboratori di giustizia, Rosario e Saverio Cappello. Secondo quanto sostenuto dal collegio difensivo le dichiarazioni sarebbero inutilizzabili perchè ottenute oltre i 180 giorni dall'inizio della collaborazione.

 

Luana Costa

 

LEGGI ANCHE: Operazione Reventinum, Luciano Scalise respinge le accuse

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio