La decisione

Rinascita Scott, il Tar reintegra il colonnello dei carabinieri Giorgio Naselli

L’ex comandante provinciale dell’Arma a Teramo resta sotto processo per rivelazione di segreto d’ufficio, ma i giudici hanno escluso che abbia mai voluto favorire la ‘ndrangheta

116
di Redazione
4 settembre 2022
10:26
Giorgio Naselli
Giorgio Naselli

L’ex comandante provinciale dell’Arma a Teramo, Giorgio Naselli, coinvolto tre anni fa nell’ inchiesta Rinascita Scott, è stato reintegrato, nel suo ruolo di tenente colonnello dei Carabinieri. In occasione dell’operazione anti ‘ndrangheta portata avanti dalla Procura di Catanzaro finì agli arresti e attualmente è sotto processo. Tra i reati contestati: rivelazione di segreto d’ufficio, abuso d'ufficio aggravato dalle finalità mafiose e utilizzazione del segreto d’ufficio.

La reintegra è stata decisa dal Tar del Lazio poiché nel corso dell’istruttoria erano state annullate prima le ordinanze cautelari e poi erano cadute tutte le accuse d’abuso d'ufficio, dell'aggravante mafiosa e dell'utilizzazione del segreto d’ufficio per favorire elementi della ‘ndrangheta.


L’ufficiale resta allo stato attuale sotto processo per la sola rivelazione di segreto d’ufficio. Tuttavia i giudici, anche nella richiesta di rinvio a giudizio, hanno escluso che Naselli abbia mai voluto favorire organizzazioni criminali. La sanzione disciplinare della perdita del ruolo e del grado era frutto di quelle accuse poi cadute e quindi, come ha dimostrato l’avvocato Lettieri, andava cancellata col reintegro nel grado.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top