Caro bollette

Ristoranti in ginocchio: «Chi compra una pizza a 15 euro? Ma se non aumentiamo i prezzi chiudiamo»

L'amaro sfogo di un imprenditore catanzarese: «Da due anni cerchiamo di sopravvivere, ora questo. È come se bastonassero un uomo già ferito». Poi snocciola la sua ricetta anti-crisi: «Ecco cosa bisognerebbe fare» (ASCOLTA L'AUDIO)

585
di Luana  Costa
31 agosto 2022
06:26

«Ma si può pagare una pizza 15 euro?». Ha tutto l’aspetto di una domanda retorica e invece non lo è. Non lo è perché l’aumento dei prezzi alla vendita appare oggi l’unica alternativa per ammortizzare il rincaro dei costi di energia e materie prime. «Così si finisce fuori mercato però» obietta Francesco Chirillo, imprenditore catanzarese che vanta all’attivo dieci punti di vendita, tra cui anche esercizi di ristorazione.

«È la ristorazione a preoccuparmi di più in questo periodo» conferma l’imprenditore. «Aumentare i prezzi diventa problematico, vuol dire per noi far andare via i clienti. Ma le aziende non possono sopportare costi quadruplicati, non aumentare i prezzi significa chiudere entro tre mesi e mandare a casa i dipendenti». È il corto circuito in cui si trovano incastrati gli esercizi commerciali e, in particolare, quelli di ristorazione.


«Non si può più accendere il forno. Sono necessari interventi urgenti, il Governo deve accelerare introducendo un tetto al prezzo del gas, come già avvenuto in Spagna e Portogallo». L’imprenditore che è anche dirigente della Confesercenti quindi spiega la strategia già indicata dall’associazione ed esplicata in otto punti. Tra questi anche «il credito d’imposta per una parte sostanziale degli incrementi del costo dei consumi energetici per le imprese in alcuni settori economici. Ciò anche per evitare che l’aumento dei costi di produzione si trasferisca, come sta già avvenendo, sui prezzi finali dei beni e servizi pagati dalle famiglie».

E poi «incentivi straordinari per il rinnovo delle attrezzature delle imprese e degli elettrodomestici delle famiglie al fine del risparmio energetico; garanzie statali per agevolazione sui prestiti bancari alle imprese che realizzano investimenti di efficientamento energetico sugli impianti o installano pannelli fotovoltaici». Insomma, il tempo stringe: «Io penso che per aziende non molto strutturate tre mesi siano già lunghi da sopportare sei costi per l’energia sono schizzati dal 4 al 25%. Siamo ormai due anni che cerchiamo di sopravvivere, è come se bastonassero un uomo già ferito».

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top