Rizziconi, arrestato il latitante Giuseppe Crea: deve scontare 8 anni di reclusione

Nipote del boss Teodoro Crea, si nascondeva in un'abitazione rurale in campagna. In manette un presunto favoreggiatore 56enne (ASCOLTA L'AUDIO)

119
di Redazione
30 maggio 2021
11:25

Fine della latitanza per Giuseppe Crea arrestato questa mattina a Rizziconi all’interno di un’abitazione rurale dalla Squadra mobile.

Il 56enne il 16 gennaio si era sottotratto all’esecuzione dell’ordine di carcerazione dovendo scontare la pena di 8 anni di reclusione a seguito di condanna riportata per una serie di reati commessi nel 2008, in concorso con altre persone, nel territorio della provincia di Siena quali violenza privata, rapina, lesioni personali, furto, incendio, danneggiamento a seguito di incendio, allorquando si trovava a Spoleto (PG) in regime di semilibertà.


Per tali fatti, nel luglio del 2010 il gip di Firenze, su richiesta della Dda del capoluogo toscano, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti e di altri sei indagati.

Il 14 gennaio 2021, la Corte di Cassazione rigettava il ricorso di Crea confermando la condanna a lui inflitta dalla Corte d’Appello di Firenze a 8 anni di reclusione.

Giuseppe Crea è nipote di Teodoro Crea, classe 1939, ritenuto elemento di vertice della cosca di ‘ndrangheta di Rizziconi, attualmente detenuto. Pertanto, è anche cugino di primo grado dei figli dell’anziano boss Teodoro, ovvero C. G., classe 1978 e C. D., classe 1982, attualmente detenuti, arrestati dopo numerosi anni di latitanza dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria e dal Servizio Centrale Operativo, rispettivamente, il 29 gennaio 2016 e il 2 agosto 2019.

Il 3 febbraio 1991, nel corso di una lite per futili motivi, Giuseppe Crea, uccise a Rizziconi a colpi di arma da fuoco un uomo di 31 anni del citato paese della Piana di Gioia Tauro, rendendosi irreperibile. Per tale delitto fu condannato dalla Corte d’Assise di Palmi a 26 anni di reclusione e la pena fu confermata in Appello. Dopo poco più di tre anni di latitanza, fu catturato dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria, il 21 febbraio 1994 a Montecatini Terme (PT), dove aveva trovato rifugio presso un conterraneo. Nel corso dell’odierna operazione di polizia giudiziaria è stato arrestato in flagranza di reato un soggetto di 56 anni ritenuto responsabile di procurata inosservanza di pena nei confronti del latitante in questione. Le indagini condotte della Sezione Criminalità Organizzata e Catturandi della Squadra Mobile di Reggio Calabria che in data odierna hanno portato alla cattura del latitante sono state coordinate dal procuratore aggiunto Calogero Gaetano Paci e dai sostituti procuratori Francesco Ponzetta e Giulia Maria Scavello.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top