Sanità, c'è l'intesa sui commissari di Asp e ospedali: Spirlì accetta i nomi di Longo

VIDEO | Il presidente ff della Regione Calabria ha acconsentito a firmare la rosa dei nominativi proposta a fine dicembre dal commissario ad acta. La lista non ha subito alcuna variazione

47
di Luana  Costa
8 gennaio 2021
13:47

I decreti di nomina dei nuovi commissari delle aziende sanitarie e ospedaliere regionali sono già pronti sulla scrivania del plenipotenziario della sanità in Calabria, Guido Longo. In giornata avverrà l'ufficializzazione dopo che il presidente ff della Regione, Nino Spirlì, ha infine acconsentito ad apporre la firma che sigla l'avvenuta intesa sulla rosa dei professionisti che lo scorso 30 dicembre il commissario Guido Longo aveva trasmesso al decimo piano della Cittadella, come previsto dal decreto Calabria bis. 

L'intesa entro dieci giorni

Il provvedimento governativo fissa in dieci giorni il termine entro cui il commissario ad acta e il presidente della Regione devono necessariamente trovare un accordo prima che la rosa dei nomi finisca dapprima in Consiglio dei Ministri per la ratifica e, infine, al Ministero della Salute per il varo dei decreti di nomina. Ma l'intesa è stata raggiunta sul filo di lana e con due giorni di anticipo sulla tabella di marcia che stabiliva la scadenza al 10 di gennaio.


La rosa dei nomi

La rosa dei nomi non ha però subito alcuna rimodulazione sui sette commissari individuati da Guido Longo lo scorso 30 dicembre e che a breve entreranno nell'esercizio delle loro funzioni alle guida delle aziende sanitarie e ospedaliere. In quell'occasione erano stati individuati, in particolare, Vincenzo Laregina all'azienda sanitaria provinciale di Cosenza, Isabella Mastrobuono all'azienda ospedaliera di Cosenza, Francesco Procopio all'azienda ospedaliera di Catanzaro, Giuseppe Giuliano all'azienda universitaria di Catanzaro, Domenico Sperlì all'azienda sanitaria di Crotone, Maria Bernardi all'azienda sanitaria di Vibo Valentia e Jole Fantozzi all'azienda ospedaliera di Reggio Calabria. Restano escluse le aziende sanitarie provinciali di Catanzaro e Reggio Calabria, sciolte per infiltrazioni mafiose e attualmente rette da una terna prefettizia. 

La dichiarazione di Spirlì

«Ai nuovi commissari, insieme all’augurio di buon lavoro - ha commentato Spirlì -, viene consegnata la speranza di un totale cambiamento dell’organizzazione sanitaria nelle sue parti ancora deboli o indebolite, al fine di consegnare alla gente di Calabria un apparato pubblico nobile e dignitoso, capace di garantire la fine della migrazione sanitaria e il massimo incremento dei Livelli essenziali di assistenza».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio