Scarichi fognari nel torrente, indagato amministratore società lametina

L'uomo è accusato getto pericoloso di cose, deturpamento di bellezze naturali e per il reato di inadempienza in pubbliche forniture

9 ottobre 2020
12:50

All’esito di una delicata ed articolata attività di indagine a tutela dell’ambiente, del territorio e dell’ecosistema marino, coordinata dalla procura di Lamezia Terme - diretta dal procuratore Capo Salvatore Maria Curcio - i militari della guardia costiera hanno notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari emesso nei confronti dall’amministratore di una società Lametina, indagato per i reati di inquinamento ambientale, per getto pericoloso di cose, per deturpamento di bellezze naturali e per il reato di inadempienza in pubbliche forniture.

 

Le indagini in questione, condotte dal personale della guardia costiera di Amantea congiuntamente al personale dell’aliquota ambiente e territorio della procura di Lamezia e coordinate dal sostituto procuratore Marica Brucci, avrebbero permesso di acclarare la compromissione di una matrice ambientale a causa di ritardi nei lavori di ripristino dell’officiosità idraulica di una condotta asservita al sistema di collettamento fognario, con conseguente sversamento dei reflui non depurati direttamente nel torrente Cantagalli, le cui acque confluiscono in mare e precisamente nel Golfo di Sant’Eufemia.

 

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio