Maltempo, Scilla di nuovo in ginocchio: fango e detriti invadono il lungomare - VIDEO

Il forte nubifragio abbattutosi questa notte sulla provincia di Reggio Calabria ha provocato nuovi danni alla cittadina della Costa Viola già piegata dall'alluvione dello scorso luglio. L'estate è alle porte e il meteo non promette nulla di buono

139
di Consolato Minniti
16 giugno 2018
08:56

È successo nuovamente. Come nelle più scontate previsioni. Il forte maltempo che ha sferzato per tutta la notte soprattutto la parte tirrenica della Calabria, ha prodotto disagi enormi nella provincia di Reggio Calabria e soprattutto a Scilla dove il solito tratto di lungomare è stato ancora una volta devastato dalla discesa imperiosa del torrente che passa fra le abitazioni della perla della Costa Viola.


Una zona che già nei mesi scorsi aveva causato danni seri, tanto da far giungere il responsabile della Protezione civile regionale, Carlo Tansi, assieme ai vertici della Regione. Lì, il noto geologo calabrese fu chiarissimo: quel budello è una bomba ad orologeria pronta ad esplodere in qualsiasi momento, dopo anni in cui si è costruito (ed ostruito) senza prestare alcuna attenzione e con un canale di scolo assolutamente insufficiente per la portata di acqua.

 


Ebbene, la notte appena trascorsa, caratterizzata da una fortissima attività elettrica e da una pioggia battente, ha portato a valle una quantità indefinita di fango e detriti come è possibile vedere nel video allegato e tratto da un post sui social di un residente nella zona. Scilla è di nuovo in ginocchio e tutto questo accade proprio a ridosso del pieno della stagione estiva. Con l'aggravante che, per tutta la prossima settimana le previsioni indicano ancora maltempo.


Ciò significa che si dovrà sperare che non sia talmente intenso da provocare ulteriori danni. Certo, non è possibile paragonare quanto accaduto al nubifragio abbattutosi nello scorso mese di luglio dove una vera e propria alluvione portò via di tutto. In quel caso, Scilla e i suoi residenti, anche grazie all'aiuto dell'esercito e della Prociv, riuscirono a rialzarsi immediatamente. Ora la speranza è che il peggio sia passato e si possa intervenire subito per non compromettere l'estate ormai iniziata.  


Situazione difficile anche nella zona nord di Reggio Calabria, dove un vero e proprio geyser d'acqua si è creato ad Arghillà. Mentre a Rosalì, una frana piuttosto seria ostruisce buona parte della strada.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio