Scoperto maneggio abusivo all’interno del Parco Nazionale d’Aspromonte

L’opera abusiva era stata costruita su un’area di elevato pregio paesaggistico ed ambientale, nei pressi delle strutture attrezzate utilizzate da turisti. Denunciato V.G., 53 anni

24 settembre 2015
09:13

I militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Reggio Calabria, nell’ambito delle attività di controllo economico/finanziario del territorio, all’interno del Parco Nazionale d’Aspromonte, in località Terre Rosse di Gambarie nel reggino, hanno scoperto un maneggio completamente abusivo e privo delle autorizzazioni. L’opera abusiva è stata costruita su un’area di elevato pregio paesaggistico ed ambientale, ricca di vegetazione e nei pressi delle strutture attrezzate utilizzate dalle decine di turisti che, giornalmente, si recano all’interno del parco per respirare aria pura e godere delle bellezze della natura.

 


I finanzieri, dopo accurate indagini, sono riusciti ad individuare l’autore dell’abuso identificato in V.G. di 53 anni, nativo e residente a Reggio Calabria. L’opera abusiva è stata immediatamente sequestrata dalle Fiamme Gialle ed il responsabile denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Reggio Calabria per violazione alla normativa che tutela i parchi e le aree protette nazionali. Su richiesta dei militari della Guardia di Finanza, sono intervenuti sul posto rappresentanti del Comune di Santo Stefano in Aspromonte e dell’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte che, preso atto dell’abuso, hanno avviato l’iter amministrativo di loro competenza per la demolizione dell’opera ed il ripristino dello stato dei luoghi.

COMMENTI
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top