Coronavirus, una scuola calabrese inaugura l’iniziativa social del Miur

«Condivideremo piccole, grandi storie per valorizzare il lavoro che la scuola italiana sta facendo» spiega il ministro Azzolina. L’iniziativa parte oggi con l’Istituto Vespucci di Vibo Marina

60
di Redazione
17 marzo 2020
17:29
Gli alunni dell’Istituto comprensivo “Vespucci”
Gli alunni dell’Istituto comprensivo “Vespucci”

Parte oggi sui canali social del Ministero dell’istruzione la rubrica quotidiana #LaScuolaNonSiFerma, volta a raccontare le esperienze messe in campo dalle scuole in un periodo così complicato come questo, segnato dall’emergenza coronavirus.

 

All’indomani della chiusura degli istituti scolastici, il mondo della scuola non si è effettivamente fermato: ci si è subito messi al lavoro per garantire a bambini e ragazzi attività di formazione alternative, avviando così la didattica a distanza. A sostegno di quest’ultima, ieri, con il decreto “Cura Italia” sono stati stanziati 85 milioni di euro, in particolare per potenziare le piattaforme e gli strumenti digitali per le scuole, per fornire alle famiglie in difficoltà dispositivi digitali e connettività e per la formazione del personale scolastico.

 

Le parole del ministro

«Il digitale si sta rivelando un alleato prezioso in questi giorni difficili – scrive il ministro Lucia Azzolina sulla sua pagina Facebook -. Abbiamo ricevuto davvero tanti racconti: dalle lezioni online, alle web radio attraverso cui i ragazzi si tengono in contatto, dai sorrisi dei bambini che vedono le loro maestre in uno schermo, alle iniziative per portare la didattica a distanza anche ai ragazzi con disabilità. Piccole, grandi storie di resilienza e vicinanza che condivideremo, da oggi, sui canali del Miur Social, per valorizzare il grande lavoro che la scuola italiana sta facendo, stando al fianco di famiglie e studenti. Dobbiamo essere fieri della nostra scuola».

 

Al via con l'istituto vibonese

Si parte oggi con una scuola calabrese, l’Istituto comprensivo “Vespucci” di Vibo Valentia Marina: i ragazzi della Primaria e della Secondaria, si legge sulla pagina Facebook del Miur, ogni giorno si incontrano con i docenti in una stanza virtuale dove condividono documenti, applicazioni e contenuti multimediali. Hanno a disposizione anche una chat per interagire, con domande e risposte, una lavagna virtuale e la possibilità di rivedere la lezione in HD. «Questa è una famiglia e voi, a scuola, dovete sempre sentirvi in famiglia. In questo momento ancora di più», sono le parole della dirigente Maria Salvia.

 

Il Ministero annuncia che sarà possibile interagire, attraverso l’hashtag #LaScuolaNonSiFerma, su Instagram, postando storie e foto che alimenteranno questo racconto, anche sul social più amato dai ragazzi. Al via, poi, un canale Telegram dove ci saranno, oltre ai racconti e alle esperienze, informazioni utili per la didattica a distanza.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio