Scuole a Castrovillari, genitori e insegnanti spingono per rimandare la riapertura

Si chiede al sindaco Domenico Lo Polito una proroga di almeno una settimana per permettere alla curva dei contagi di regredire o tornare stabile

 

25
di Vincenzo Alvaro
11 gennaio 2021
14:43

C'è preoccupazione per il ritorno in presenza delle attività didattiche. A Castrovillari il contagio ha visto una concreta evoluzione a tra capodanno e l'inizio del 2021 tanto da indurre genitori e docenti a proporre al sindaco una proroga della sospensione delle attività didattiche che, salvo modifiche, dovrebbero riprendere per le scuole dell'infanzia, le elementari e medie il 13 gennaio, come deciso dall'ordinanza firmata dal sindaco Domenico Lo Polito.

L'avvicinarsi della data che segnerà il rientro a scuola in presenza dopo il lungo ponte delle festività natalizie ha messo in allarme i genitori della scuola secondaria di primo grado che attraverso la presidente del consiglio di istituto, Paola Loredana Ferraina, hanno inoltrato al dirigente scolastico una missiva in cui si esprimono perplessità circa la riapertura chiedendo di poter interloquire con il primo cittadino per l'accertamento ufficiale della situazione sanitaria in città. La volontà sarebbe quella di poter arrivare ad una proroga della didattica a distanza di almeno un'altra settimana in attesa che la curva dei contagi regredisca o torni stabile.


Il pensiero degli insegnanti

Dello stesso tenore anche una comunicazione sempre inoltrata al sindaco Lo Polito dai docenti della scuola media di Castrovillari che esprimerebbe tutte le «preoccupazioni in vista di una possibile ripresa dell'attività didattica in presenza». La recrudescenza del virus all'interno della città di Castrovillari che avrebbe approfittato delle festività di natale e fine anno per diffondersi maggiormente in famiglia ha messo timore per il ritorno delle lezioni in presenza nel momento in cui la curva epidemica, sia a livello locale sia regionale, ha ripreso convintamente la sua risalita. Tutto questo, secondo i docenti della scuola media, potrebbe «costituire un pericoloso moltiplicatore dell'infezione» anche alla luce della moltiplicazione dei casi asintomatici, paucisintomatici e con sintomi, che hanno coinvolto anche congiunti di alcuni studenti che frequentano gli istituti cittadini.

I contagi di oggi 

Oggi alla luce dei 138 tamponi antigenici effettuati nella postazione drive-in dell’area mercatale e solo due le positività rilevate, peraltro familiari di persone già positive e quindi in quarantena. Per Lo Polito «si conferma la tendenza in diminuzione del fenomeno che per fortuna abbiamo bloccato per tempo a fine anno». 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top