Sentenza Lucano, Celentano si schiera al fianco dell’ex sindaco di Riace: «Ingiustizia è fatta»

Il molleggiato in un video postato sul suo profilo Instagram: «Fermato il battito di un cuore che animava la sacralità dell'accoglienza»

322
di Ilario  Balì
20 ottobre 2021
20:09

«Ingiustizia è fatta». Così Adriano Celentano dalla sua pagina Instagram ha commentato oggi la sentenza inflitta dal tribunale di Locri a Mimmo Lucano, l’ex sindaco di Riace condannato a 13 anni e 2 mesi di reclusione per illeciti sui progetti di accoglienza ai migranti.

In un videoclip montato sulle note del suo brano “Cammino”, il molleggiato ha riproposto le dichiarazioni di Giancarlo Caselli rilasciate al Fatto Quotidiano: «Il senso profondo della disputa tra Creonte e Antigone sta nella necessità di conciliare le leggi umane e divine che, oggi come oggi, diremmo i diritti insopprimibili legati alla dignità, ai sentimenti e alle radici culturali dell’individuo con le esigenze dello Stato. Ciò significa che il magistrato deve interpretare il suo ruolo al servizio sì della legge ma nella prospettiva più ampia e profonda della giustizia».


Quindi il video continua con le parole di Celentano: «Tutto questo prima che i giudici fermassero il battito di un cuore che animava la sacralità dell’accoglienza. È incredibile – conclude il molleggiato – come noi mortali viviamo questi brevi attimi di vita sulla terra, senza minimamente pensare alle grandiosità di ciò che possiamo perdere dopo la morte».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top