Sequestrati nel Cosentino 600 chili di prodotti in pessimo stato di conservazione

I finanzieri hanno fermato lungo la statale 106, vicino Roseto Capo Spulico, un camion con alimenti della Bulgaria. I prodotti alimentari erano stipati in precarie condizioni igienico-sanitarie 

54
di Redazione
18 febbraio 2020
11:02
I prodotti sequestrati sulla 106 all’altezza di Roseto Capo Spulico
I prodotti sequestrati sulla 106 all’altezza di Roseto Capo Spulico

La Guardia di finanza di Montegiordano ha sequestrato oltre 600 chili di prodotti alimentari detenuti in pessimo stato di conservazione. I militari, lungo la statale 106 nel territorio di Roseto Capo Spulico (Cosenza), hanno intimato l’alt ad un furgone, diretto a sud, che riportava sulle fiancate esterne la raffigurazione di calzature che non facevano presagire, al proprio interno, la presenza di alimenti.

 

L’ispezione del carico ha consentito, invece, di rinvenire oltre 600 chili di alimenti (latticini, salumi, carne e pesce) stipati dietro pedane di conserve di svariato genere, in un ambiente non refrigerato ed in precarie condizioni igienico-sanitarie. Dai primi accertamenti è emerso che gli alimenti provenivano dalla Bulgaria ed erano destinati, con ogni probabilità, al mercato della Piana di Sibari. Il responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Castrovillari e l’intera merce è stata immediatamente avviata alla distruzione in quanto – a seguito dell’intervento degli ispettori sanitari – dichiarata non adatta al consumo umano.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio