Sibaritide, sequestrato il centro di raccolta rifiuti comunale di Calopezzati

Sono scattati i sigilli al sito in località Macchiola realizzato nel 2011 e gestito da un’azienda in amministrazione giudiziaria oggi diventato una vera e propria discarica abusiva

5
di Matteo Lauria
1 aprile 2021
19:11

Scattano i sigilli per il centro di raccolta comunale di rifiuti differenziati di Calopezzati in località Machiola. Si tratta di un’isola ecologica realizzata nel 2011 oggi convertita in una vera e propria discarica abusiva.

L’area è gestita da una ditta aggiudicataria del servizio di raccolta, trasporto e recupero dei rifiuti differenziati ed assimilabili prodotti sul territorio comunale oggi in amministrazione giudiziaria. Si è proceduto al sequestro dell’intero sito e al deferimento per gestione illecita di rifiuti e realizzazione di discarica non autorizzata dei due amministratori giudiziari della ditta. Sono stati rinvenuti rifiuti speciali pericolosi e non sparsi in ogni dove.


L’intera area è divenuta ricettacolo di abbandono rifiuti, all’esterno, vi sono abbandonati rifiuti Raee (tv con tubo catodico, componentistiche varie tv, frigoriferi), plastica e carta varia, suppellettili. All’interno invece è presente un ingente quantitativo di rifiuti speciali eterogenei miscelati tra di essi non pericolosi e pericolosi del tipo ingombranti e Raee. Tutto ciò avviene su suolo non impermeabilizzato, a cielo aperto e dunque esposto agli agenti atmosferici. Al suo interno inoltre sono presenti containers scarrabili quasi sovrastati dall’enorme quantitativo di rifiuti presenti. L'operazione è stata portata a termine dai carabinieri forestali di Rossano.   

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top