Sistema Cosenza: Cotticelli, Scura e Belcastro tra gli indagati per i falsi bilanci dell'Asp

VIDEO | Avrebbero dato il via libera all'approvazione dei bilanci dell'Asp di Cosenza per le annualità 2015, 2016 e 2017 nonostante i rilievi e il parere non favorevole espresso dal collegio sindacale

716
di Salvatore Bruno
5 febbraio 2021
12:46

Anche gli ex commissari ad acta Massimo Scura e Saverio Cotticelli ed il dirigente Antonio Belcastro, attualmente delegato all'emergenza Covid per la Calabria, figurano tra gli indagati nell'ambito della inchiesta Sistema, condotta dalla Procura di Cosenza a carico di dirigenti apicali dell'Azienda Sanitaria Provinciale. Sono accusati di falso in atto pubblico per avere approvato i bilanci dell'Asp relativi alle annualità 2015, 2016 e 2017 nonostante il parere non favorevole del Collegio sindacale e le molteplici criticià da quest'organo segnalate in ordine alla irregolarità delle voci appostate nel documento contabile. La loro condotta in sostanza si configura come omesso controllo. 

Le misure restrittive

Nel complesso, nell'inchiesta condotta dal sostituto Mariangela Farro insieme alla compagnia della Guardia di Finanza di Cosenza, sotto il coordinamento del procuratore capo Mario Spagnuolo sono coinvolte 19 persone di cui quattro per le quali non sono stati chiesti provvedimenti restrittivi. Per sei di loro la Procura aveva chiesto l'applicazione degli arresti domiciliari.


Il Gip Manuela Gallo ha invece ritenuto adeguata l'emissione di una misura cautelare del divieto di dimora in Calabria a carico dell'ex direttore generale Raffaele Mauro, dell'ex direttore amministrativo Luigi Bruno e dell'ex direttore sanitario Francesco Giudiceandrea.

È invece scattato il divieto di dimora nel comune di Cosenza per il direttore dell'ufficio affari legali e contenzioso Giovanni Lauricella, per il direttore delle risorse umane Remigio Magnelli e per Maria Marano, responsabile amministrativo dell'unità operativa protesica, nominata secondo l'accusa, nonostante non sia in possesso dei requisiti di legge. Per altre nove persone è stata chiesta l'interdizione dai pubblici uffici. Sulla sussistenza dei requisiti per l'applicazione di questa misura il gip deciderà dopo aver interrogato gli indagati. 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio