La critica

Sorical alla Regione, D’Ippolito (M5s): «Non è affatto una svolta storica, bisognava creare società dei Comuni»

Il deputato calabrese pentastellato: «Allontana dall'individuazione del gestore unico del servizio idrico integrato della Calabria. Senza ciò non si possono ricevere finanziamenti pubblici e nemmeno un centesimo del Pnrr»

8
di Redazione
16 giugno 2022
17:40
Il deputato calabrese Giuseppe D’Ippolito
Il deputato calabrese Giuseppe D’Ippolito

«L'acquisto delle quote private da parte di Sorical non è affatto una svolta storica, ma allontana dall'individuazione del gestore unico del servizio idrico integrato della Calabria. Mi rincresce ripeterlo per l'ennesima volta, si doveva costituire una società idrica dei Comuni».

Lo afferma, in una nota, il deputato del M5s Giuseppe d'Ippolito, componente della Commissione Ambiente.


«Soltanto i Comuni - aggiunge d'Ippolito - hanno la gestione della depurazione, che è un aspetto del servizio idrico integrato. L'altro, come noto, è la gestione degli acquedotti, in capo a Sorical. Senza un gestore unico dei due aspetti non si possono ricevere finanziamenti pubblici e nemmeno un centesimo del Pnrr. Sono convinto che, a partire dai leghisti, tanti tra gli entusiasti rifiutino di vedere il buio tunnel in cui si è infilata la Regione».

«Ancora, è stata chiusa su due piedi la partita dei mancati investimenti di Sorical, che dovevano e potevano essere compiuti, al contrario di quanto sostengono diversi esponenti politici. Si tratta di milioni di euro della Regione che, come sempre, pagano i cittadini calabresi. Aggiungo che Sorical non ha rispettato gli obblighi previsti dalla convenzione di affidamento, ha lasciato perdere la manutenzione e ci ha consegnato una rete peggiore di un colabrodo».

«Distacchi, rotture delle condotte e abusivismo - sottolinea ancora il parlamentare del M5s - imperano dappertutto, ma Sorical è rimasta nascosta. Ancora, non è dato sapere se l'amministrazione regionale abbia provveduto ad una completa ricognizione sui debiti di Sorical, posta, ricordo, in liquidazione, nei quali rientrano i rapporti con le banche tedesche, che hanno rinunciato al pegno a condizioni sconosciute e che, pertanto, potrebbero allo stato decidere di rivalersi sulla Regione, magari costringendola ad esborsi pesanti, se non insostenibili. Sulla depurazione vorrei capire come intenda muoversi il presidente Roberto Occhiuto in merito al rapporto tra Comuni e Sorical. Tutti questi argomenti non possono essere ignorati o elusi dalle forze politiche calabresi».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top