L’agguato

Sparatoria a Corigliano Rossano, si costituisce un 30enne: arrestato

L'uomo si è presentato spontaneamente ai carabinieri di Torino-Moncalieri, dovrà rispondere dell'accusa di tentato omicidio. Resta in piedi l'ipotesi del movente passionale

49
di Matteo Lauria
29 agosto 2021
14:01
Il luogo dell’agguato
Il luogo dell’agguato

Arrestato l’uomo che ha sparato al 35enne in pieno giorno e in pieno centro in via Nazionale a Corigliano. Si tratta di un 30enne originario del Nord ma da sempre a Corigliano. Dovrà rispondere di tentato omicidio. L’uomo si è costituito ai carabinieri di Torino-Moncalieri per rendere spontanee dichiarazioni. Sequestrata anche l’auto dell’indiziato: un’Audi A3 di colore blu. Rimane ferma l’ipotesi della pista passionale.

La vittima è ancora ricoverata a Cosenza e non è in pericolo di vita. Una delle pallottole si è conficcata all’altezza della zona polmonare senza, tuttavia, colpire organi vitali. Un valido supporto al lavoro investigativo è stato fornito, oltre dall’assunzione di valide testimonianze, anche dalle immagini di videosorveglianza dalle quali si è risaliti all’esatta ricostruzione dell’evento delittuoso. Confermato l’uso di un manganello rinvenuto sul luogo dell’agguato.


La tesi prevalente è che mentre il 30enne sparava i colpi di pistola il destinatario si era armato di mazza frantumando il parabrezza dell’auto e i finestrini laterali. L’Audi è stata trovata dai militari nei pressi di un’autocarrozzeria. Secondo quanto emerge, uno dei familiari dello sparatore avrebbe portato l’auto a riparare nel tentativo di occultare ogni indizio. Il fascicolo è in mano al pubblico ministero Angela Continisio della Procura di Castrovillari. La misura cautelare è scattata ritenendo grave il quadro indiziario ma anche per il supposto pericolo di fuga rafforzato dal fatto che l’uomo in poche ore è riuscito a raggiungere il Nord.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top