L’operazione

Stabilimenti balneari da smontare, controlli a tappeto nella Sibaritide: 36 denunce e 30 sequestri

Gli operatori turistici non avrebbero rimosso nei tempi dovuti gli impianti realizzati sulla spiaggia. Le attività portate avanti dagli uomini della Capitaneria di porto 

13
di Matteo Lauria
18 febbraio 2022
16:49
Gli uomini della Capitaneria di porto
Gli uomini della Capitaneria di porto

Controlli a tappeto lungo la costa jonica cosentina: colpiti i concessionari che non hanno rimosso nei tempi dovuti le strutture realizzate sulla spiaggia. Denunciati a piede libero 36 concessionari alla Procura della Repubblica del Tribunale di Castrovillari. Sequestrate 30 strutture per un totale complessivo di 19mila metri quadrati di suolo pubblico.  L’operazione è stata portata a termine dai militari del nucleo di polizia ambientale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Corigliano-Rossano, unitamente ai colleghi degli uffici marittimi di Cariati, Trebisacce e Montegiordano.

È stato riscontrato il mantenimento di strutture dedicate a stabilimenti balneari sul pubblico demanio marittimo, oltre il limite temporale previsto, ovvero il termine della stagione balneare. S’ipotizza l’illecita detenzione, pertanto, sarà intimato ai trasgressori l’esborso e il recupero degli indennizzi risarcitori dovuti all’erario dello Stato.


Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top