Strage di via D’Amelio, pentito calabrese: ‘l’appartamento di Vitale utilizzato per appostamenti’

Lo sostiene il pentito calabrese Marco Marino durante il quarto processo per la strage di via D’Amelio. Marino fu detenuto insieme a Vitale nel carcere di Palermo

di Redazione
26 marzo 2015
16:30

"Salvatore Vitale mi disse che aveva un appartamento in via D'Amelio e che era stato utilizzato dai responsabili dell'attentato per alcuni appostamenti nei giorni precedenti la strage". A sostenerlo è il collaboratore di giustizia calabrese Marco Marino, ex affiliato alla 'ndrangheta, deponendo a Caltanissetta, nel quarto processo per la strage di via D'Amelio, dove persero la vita il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta.


Marino, che fu detenuto insieme a Vitale, mafioso condannato all'ergastolo per il sequestro e l'uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo, deceduto nel 2012 nel carcere palermitano di Pagliarelli, ha aggiunto: "Vitale temeva che Spatuzza fosse dichiarato attendibile e così poteva tirarlo in ballo per la strage". Il processo riprenderà il 2 aprile, quando i pentiti Francesco Raimo e Marco Marino saranno interrogati dai difensori degli imputati.


GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top