«Mille euro o ti bruciamo il negozio» ma lascia le impronte sulla lettera: arrestato

Il 40enne arrestato per tentata estorsione ai danni di un commerciante di Reggio. È stato posto ai domiciliari

273
di Redazione
28 settembre 2019
09:40

La polizia di Stato di Reggio Calabria ha arrestato l'autore di una tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso, ai danni di un commerciante reggino. Al termine delle indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri, gli uomini della Sezione Reati contro il Patrimonio e la Pubblica amministrazione della Squadra mobile e dell'Ufficio Volanti, hanno dato esecuzione agli arresti domiciliari nei confronti di Matteo Iannò, 40 anni. I fatti risalgono al 19 febbraio. Al titolare di un esercizio commerciale era stata recapitata una missiva contenente una richiesta estorsiva di mille euro al mese da destinare al sostentamento dei "carcerati", con la minaccia dell'incendio del negozio. Gli accertamenti hanno permesso di rilevare sulla busta e sulla lettera delle impronte dell'arrestato,  il quale annovera, a proprio carico, precedenti di polizia per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio