Laboratori d’analisi riducono i prelievi, a Vibo disagi per i pazienti

VIDEO | Primo giorno di blocco parziale delle prestazioni. Nonostante il limite giornaliero di 50 sia stato sforato, il Centro unico prenotazioni è nel caos tra computer non funzionanti e proteste dell’utenza

17
di Agostino Pantano
1 luglio 2019
14:18

All’Asp di Vibo Valentia il "tetto" c’è ma, si scopre andando negli uffici di via Dante Alighieri, è traballante. Per l’emergenza nei laboratori d’analisi, visto che da stamattina parte il blocco fino a un massimo di 50 prelievi al giorno, sono stati convocati il primario e i suoi collaboratori, che hanno garantito una deroga per oggi: sono state ammesse 75 prestazioni.
Una flessibilità altalenante che, però, non attenua l’esasperazione degli utenti, visto c’è chi lamenta ritardi per il ritiro dei risultati e non manca chi annuncia l’intenzione di rivolgersi alle strutture private. Solo che anche questi laboratori rischiano di andare in sofferenza, come ci spiega il direttore sanitario del Centro Nusdeo che spiega che da fine settembre, visto il surplus di lavoro che prevedono, i prelievi potrebbero avvenire fuori budget costringendo gli utenti a pagare per intero il servizio.
Difficoltà anche al pronto soccorso, visto che – come dichiara il direttore generale Elisabbetta Tripodi – mancano medici e il recente sblocco del turn over, determinato dal decreto Calabria, non risolve nell’immediato la situazione. Qualche spiraglio di normalità, invece, potrebbe aprirsi per quanto riguarda il personale infermieristico: la dirigente annuncia l'imminente assunzione di 30 nuovi camici bianchi.

Non mancano altri disservizi, però, e questa volta non c’entrano le risorse umane, bensì le macchine: al Cup di Moderata Durant, da venerdì, non funzionano i computer.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio