Tirreno cosentino, appalti truccati e massoneria deviata: indagate 18 persone

VIDEO | Nell'inchiesta della Procura di Paola coinvolti numerosi professionisti e imprenditori, alcuni dei quali appartenenti a una loggia segreta. I reati contestati vanno dalla truffa alla corruzione

47
di Francesca  Lagatta
27 gennaio 2021
15:52
L’occhio simbolo della massoneria. Fonte foto: dal web
L’occhio simbolo della massoneria. Fonte foto: dal web

Il procuratore Pierpaolo Bruni non si ferma. Dopo le numerose inchieste su corruzione e politica nel Tirreno cosentino, stavolta il magistrato crotonese, in servizio alla procura di Paola da giugno 2017, ha tolto il velo su una presunta associazione a delinquere, i cui appartenenti sarebbero dediti alla spartizione di proventi sugli appalti pubblici e una serie di reati contro la pubblica amministrazione. Nell'inchiesta risultano indagati 18 tra professionisti e imprenditori, con un'alta concentrazione nei territori di Belvedere Marittimo e Scalea.

I reati contestati

I reati contestati dagli inquirenti vanno dalla truffa alla turbata libertà degli incanti, passando per la corruzione. Secondo le prime risultanze, ad alcuni degli indagati sarebbe contestata anche la violazione Legge Anselmi, che su tutto il territorio italiano vieta espressamente l'appartenenza ad associazioni segrete e non «che occultino in tutto o in parte le finalità e attività, nonché interferenti con organi della pubblica amministrazione italiana e con servizi pubblici essenziali. In altre parole, la procura guidata da Bruni avrebbe scoperto nel territorio dell'alto Tirreno cosentino l'esistenza di una loggia massonica coperta. Le indagini, ad ogni modo, si estendono fino alla Basilicata e non sono ancora concluse.


guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top