La protesta

Trasporto dializzati, le associazioni: «I pazienti si incateneranno davanti alla Regione»

Continua il braccio di ferro contro l'Asp di Catanzaro che ha deciso di non pagare i rimborsi per trasferimento dei malati agli ospedali per effettuare la cura

81
di Redazione
21 aprile 2022
07:30

Annunciano azioni eclatanti di protesta le associazioni che effettuano il servizio di trasporto in favore dei pazienti dializzati. Già nei giorni scorsi sotto la sede della Regione si era tenuta una manifestazione per denunciare il mancato pagamento da parte dell'Asp di Catanzaro dei rimborsi per il trasporto dei pazienti nefrodialitici. Ma la situazione sembra ancora lontana dall'esser risolta: «Nei prossimi giorni i pazienti si incateneranno davanti la cittadella regionale e davanti l'Asp di Catanzaro per avere il diritto di vivere» annunciano le associazioni.

«È ormai pubblica la volontà di non garantire un servizio che per alcuni utenti è di vitale importanza, come si evince dalla delibera 425 del 13/04/2022 dell'Asp di Catanzaro, con la quale si sospende l'efficacia della regolamentazione aziendale adottata dal precedente direttore generale ff il 30/07/2019» dichiarano le associazioni.


«Tale delibera, mette in evidenza l'inadempienza da parte dell'Asp di Catanzaro nei confronti delle associazioni, delle aziende e delle cooperative operanti nel settore socio-assistenziale, non considerando, la reale efficacia del lavoro svolto. Nel tavolo tecnico formato il 06/04/2022,al quale era presente tutto lo stato maggiore della sanità calabrese - dal presidente della Regione Roberto Occhiuto al direttore generale dell'Asp di Catanzaro Ilario Lazzaro, dal direttoreaAmministrativo Maria Maria Mariani a tutto il direttivo del dipartimento Tutela della Salute della Regione Calabria - sono emerse solo tantissime promesse e garanzie che, allo stato attuale non si sono concretizzate per consentire il proseguimento di un servizio di primaria importanza e, non gestibile dagli organi rappresentativi, nello specifico dall'Asp di Catanzaro».

«Da oggi tutte le associazioni, aziende e cooperative lasciano definitivamente e con gran rammarico la gestione del servizio al 118 che, già dalle prime richieste d'intervento, hanno negato la disponibilità, ribaltando la palla nuovamente al mittente. A tutto ciò si aggiunge la sospensione del personale operante in tale settore (circa 40/50 operatori) i quali oltre ad aver lavorato senza spesso essere retribuiti, ora perderanno anche il posto di lavoro portato avanti con amore e dedizione per moltissimi anni».

 «Speravamo tutti che la nuova giunta regionale potesse creare le basi per una nuova e più giusta sanità calabrese, a garanzia e difesa degli utenti più deboli, prendendo in mano le criticità legate al caso, invece, ci ritroviamo per l'ennesima volta ad aver creduto a racconti e favole. Gli utenti, sperano almeno, in un ripensamento del 118, per evitare l'ormai sempre più vicina disperazione e la conseguente morte».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top