Vibo Valentia

Ucraina, il bimbo fuggito dalla guerra e “adottato” da un intero ospedale: «Era disidratato ma lui ora sta bene»

VIDEO | La vicenda di Chicco, come è stato ribattezzato, è raccontata dal primario di Pediatria dello Jazzolino Salvatore Bragò: «La mamma ha il Covid, ma presto si potranno riabbracciare»

di Cristina Iannuzzi
20 marzo 2022
17:40

È stato ribattezzato Chicco, il piccolo paziente ucraino, di soli tre mesi, giunto qualche giorno fa nel reparto di Pediatria dello Jazzolino di Vibo Valentia. Al suo arrivo in ospedale era disidratato. Ad accorgersi che il piccolo non stava bene è stata la presidente della croce rossa di Vibo Valentia Caterina Muggeri, che ha subito allertato i sanitari.

La mamma del neonato, fuggita dagli orrori della guerra, si è dovuta separare dalla sua creatura perché positiva al Covid. Ad occuparsi del neonato, ora, c’è un intero ospedale: le infermiere e le Oss si organizzano per fargli da mamma. Lo coccolano come in una grande famiglia.


«Purtroppo – dice il primario Salvatore Braghò – a causa del Covid  abbiamo dovuto separare mamma e figlio. Ma ora il piccolo sta bene – conferma - e appena anche la mamma si rimetterà, i due potranno riabbracciarsi». Il medico racconta come un'altra mamma e i suoi due figli piccoli siano risultati positivi al Covid, «ma dal momento che presentavano i sintomi di un’altra malattia infettiva importante, è stato deciso di trasferirli con un' ambulanza all'ospedale Giovanni XXIII di Bari».  

Esempi di gestione integrata tra Pediatri di diverse regioni che sottolineano l’importanza di effettuare screening  approfonditi su tutti i minorenni che arrivano dall’Ucraina: «Secondo i dati Unicef sono almeno 7 milioni i bambini fuggiti dalla guerra». Alla luce di ciò il primario ha sollecitato un tavolo tecnico in prefettura insieme ai responsabili dell'Asp di Vibo Valentia e della Croce rossa.

«L'obiettivo - spiega il medico - è quello di attivare un protocollo che possa affrontare l'emergenza e faccia da filtro per garantire l'assistenza territoriale». Braghò evidenzia come nel Vibonese siano in atto due emergenze, quella relativa al Covid e adesso anche quella umanitaria, legata al conflitto in atto nel paese dell'Est. «Il sistema sanitario è stato già messo a dura prova dal virus».

Lo stesso ricorda che «l'Ucraina è afflitta dalla tubercolosi. Ecco perché  si rende necessario fare screening approfonditi e verificare che ogni bambino che arriva in Italia abbia la copertura vaccinale non solo per il Covid, ma che sia in regola con il calendario vaccinale come previsto per tutti i bambini residenti in Italia». 

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top