Uffici postali aperti solo tre giorni a settimana, esplode la protesta in piccoli comuni del Cosentino

VIDEO | Il sindaco di Paludi minaccia di sporgere querela mentre quello di Caloveto chiede risposte concrete a Poste Italiane. Cittadinanza costretta a lunghe attese e a rischio assembramento per un servizio di cui si può usufruire solo a giorni alterni

85
di Matteo Lauria
17 dicembre 2020
13:19

Uffici Postali aperti solo tre giorni a settimana ed esplode la protesta dei piccoli comuni, dove, proprio a causa delle ultime disposizioni di Poste Italiane, si verificano enormi disagi. Lunghe file d’attesa e rischio assembramenti proprio in piena pandemia sono il risultato di un’utenza, composta prevalentemente da persone anziane, costretta a poter usufruire del servizio solo a giorni alterni.

 


Questa mattina la manifestazione di protesta si è concentrata dapprima a Caloveto e successivamente a Paludi, facendo sentire il proprio dissenso nei confronti di scelte su cui, finora, non vi è stata alcuna possibilità di confronto. Presenti anche amministratori di altre comunità, interessate dalla stessa problematica così come alcuni piccoli centri arbëreshe.


«Lasciate i cittadini alle intemperie per arricchire le vostre casse», «Siamo persone, non numeri» si legge su alcuni manifesti con cui gli utenti hanno espresso e raccontato il disagio. L’apertura ridotta degli Uffici Postali, così come il funzionamento a giorni alterni dello sportello automatico (che nei giorni di chiusura non viene rifornito) determina lunghe code, soprattutto in periodi particolari legati al ritiro delle pensioni e alle scadenze di pagamenti, creando un vero e proprio rischio di assembramento che mal si concilia con le vigenti norme anti-covid. Senza tralasciare il pericolo legato alla incolumità fisica dei cittadini che, a Paludi per esempio, sono costretti a stazionare dinanzi all’Ufficio Postale lungo una strada provinciale e in prossimità di una curva.


I sindaci sono sul piede di guerra. Tante le richieste fatte da mesi a Poste Italiane e rimaste, finora, lettera morta. «Non possiamo più tollerare questa situazione – tuona il sindaco di Paludi, Stefano Graziano – ai danni soprattutto dei nostri anziani. Chiediamo a Poste Italiane di intervenire nel modo più celere possibile e di rivedere le scelte fatte. Porteremo avanti una petizione popolare e a gennaio, se non arriveranno risposte, sarò costretto a sporgere querela».


Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco di Caloveto, Umberto Mazza: «Proprio Poste Italiane, che pure porta avanti una campagna ad hoc per i piccoli comuni, è causa di così tanti disagi. Noi amministratori ce la mettiamo tutta ma in questa situazione siamo impotenti. È da luglio che andiamo avanti così, senza ottenere alcun risultato. Chiediamo maggiore vicinanza, ma in maniera concreta». Tra le proposte avanzate dagli amministratori, già nei mesi scorsi, un’apertura anche pomeridiana degli Uffici nei tre giorni settimanali, in modo da consentire all’utenza di non concentrarsi solo in una mezza giornata. Ma anche questa, così come le altre richieste, è ancora in attesa di risposta.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio