Vaccini anti-Covid, istituita task force per la campagna nella Sibaritide

Si lavorerà per disciplinare le fasi di coordinamento. Ne faranno parte il commissario dell’Asp, il presidente della conferenza dei sindaci, i medici di famiglia e i capi distretto

15
di Matteo Lauria
16 febbraio 2021
15:03

È prossima l’istituzione di una task force sulla gestione della campagna vaccinale nella Sibaritide. Attorno a un unico tavolo il commissario dell’Asp di Cosenza Vincenzo La Regina, i capi distretto, i medici di famiglia e il presidente della Conferenza dei sindaci della provincia di Cosenza Flavio Stasi. L’obiettivo è organizzare e migliorare le attività di coordinamento relativamente alle somministrazioni. Tra le priorità: il personale sanitario e medico (ha completato i due cicli di vaccinazione), gli anziani delle Rsa e delle case di riposo, e gli ultraottantenni. Ci sono stati dei ritardi nella fornitura del vaccino, ciò ha determinato dei disagi nella gestione e nell’organizzazione.

Al momento manca un posto fisico dove somministrare le dosi, anche se il piano prevedeva dei punti vaccinali sia ospedalieri che territoriali, oltre dei team mobili. Allo stato è operativo il punto vaccinale ospedaliero. Dopo il 31 marzo si passerà alla fase 2, e qui le priorità terranno conto delle condizioni cliniche dei soggetti da vaccinare definite in base ai maggiori rischi di letalità del covid, in particolare le persone particolarmente vulnerabili con multipatologie.


Uno dei problemi pratici che ruota attorno al sistema di vaccinazione è l’aspetto burocratico. Dopo la vaccinazione di ciascun cittadino occorre compilare nove moduli e trascriverli successivamente sul sito ministeriale. Tutto questo determina dispendio di risorse umane e maggiore carico di lavoro.      

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top