Vaccini AstraZeneca, il Sappe all’Asp Vibo: «Siamo preoccupati e vogliamo risposte»

Il sindacato della polizia penitenziaria chiama in causa l'Azienda sanitaria: «C'è apprensione tra il personale che ha ricevuto la dose da quel famigerato lotto ritirato dall'Aifa»

645
di Redazione
14 marzo 2021
09:58
Il carcere di Vibo Valentia
Il carcere di Vibo Valentia

«Vogliamo dall'Asp quelle risposte che ancora non ci sono state fornite creando apprensione tra il personale che ha ricevuto la dose di vaccino di quel famigerato lotto ritirato dall'Aifa». Queste le parole di Francesco Ciccone, segretario provinciale di Vibo Valentia del Sappe, il sindacato autonomo di polizia penitenziaria, i cui colleghi, circa 70, si sono sottoposti nei giorni scorsi al trattamento con il vaccino di AstraZeneca il cui lotto è stato, come detto, precauzionalmente ritirato a seguito di una serie di episodi, alcuni dei quali hanno visto in Sicilia la morte di un militare dell'esercito.

«Al momento – si legge nella nota - dall'Agenzia italiana del farmaco, è stato riferito che non esiste alcuna relazione tra l'inoculazione della dose e il decesso, tuttavia l'apprensione resta palpabile in chi ha ricevuto il lotto incriminato. Tra questi il personale delle forze dell'ordine e gli agenti della penitenziaria».


«Il Sappe – conclude Ciccone - deve necessariamente intervenire sulla questione relativa alla vaccinazione ed in particolare per il ritiro del lotto Astrazeneca anche nell’Asp di Vibo Valentia. Fino a giorno 8 marzo il personale in servizio è stato vaccinato con il lotto sospeso, circa 70 unità. Si richiede pertanto di procedere a sottoporre il personale in questione ad un’attenta valutazione sanitaria al fine di scongiurare possibili conseguenze».

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top