Vaccini, trapiantato non sviluppa gli anticorpi con Pfizer dopo 32 giorni dal richiamo

VIDEO | L’uomo di Acri potrebbe avere bisogno di una terza dose se entro un mese la sua risposta immunitaria non rientrerà nell'1,56 della media nazionale

187
di Matteo Lauria
28 aprile 2021
15:15

Era in attesa al Palabrillia di Corigliano-Rossano all’hub regionale per la somministrazione di AstraZeneca alla propria compagna. L’uomo, di Acri, ritenuto soggetto fragile poiché ha subito un trapianto ai reni nel 2017, ci racconta di aver ricevuto il vaccino Pfizer e di aver scoperto, a distanza di 32 giorni dal richiamo, che la sua risposta immunitaria è ancora particolarmente bassa. Il valore riscontrato dal test sierologico per misurare gli anticorpi IgG anti-Coronavirus è decisamente al di sotto del dato nazionale, che si attesta all’1,56% della media nazionale.

La soluzione, per il paziente, è la riproposizione di un nuovo tentativo di vaccinazione. «Sono situazioni che possono verificarsi», ha affermato il direttore della divisione di malattie Infettive dell’azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro Lucio Cosco, «sottolineo che tutti i vaccini non sono efficaci al 100%. Ci sono cittadini che non rispondono al vaccino. Pfizer è quello che registra la maggior percentuale di successo, ben 95%. Ma può accadere che quando si assumono immunosoppressori ciò alimenti la non risposta degli anticorpi».


 

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top