Violenza sulle donne, nel 2020 più di mille casi denunciati in Calabria: 89 reati sessuali

La polizia di stato ha tracciato un bilancio dei crimini di perseguiti rispetto al 2019 sono diminuiti erano 1.442

31
di Redazione
25 novembre 2020
14:44

Oggi, 25 novembre, ricorre la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La polizia di stato ha tracciato un bilancio dei crimini perseguiti nell’ambito del cosiddetto “codice rosso”, entrato in vigore il 9 agosto 2019, che ha introdotto nuovi reati e ha perfezionato i meccanismi di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere.

Sono stati aggiunti: la violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare; costrizione o induzione al matrimonio; deformazioni dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso; diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti (revenge porn).


Per quanto riguarda il revenge porn l’81% ha riguardato vittime di sesso femminile (per l’83% maggiorenni e per l’89% italiane), episodi distribuiti nell’anno con un andamento altalenante e un picco nel mese di maggio.

 

I dati calabresi

C’è, per quanto possa esserlo, una buona notizia, rispetto allo scorso anno in Calabria, i casi di violenza sulle donne sono in diminuzione. Nel 2019 erano 1.442, nel 2020 sono 1.042.

La polizia ha registrato nella nostra regione denunce per: atti persecutori (488); casi di maltrattamenti contro familiari e conviventi (465); casi di violenze sessuali (89).

 

Per il capo della polizia Franco Gabrielli è «una problematica di civiltà che, prima ancora di un’azione di polizia, richiede una crescita culturale. È una tematica complessa che rimanda ad un impegno corale. Gli esperti parlano di approccio olistico, capace di coinvolgere tutti gli attori sociali, dalle Istituzioni, alla scuola, alla famiglia».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio