Fase 2, a Gioia Tauro preso d'assalto il lungomare: la polizia manda via tutti

VIDEO | Diventa un caso quanto accaduto nella città del porto. Il racconto dei testimoni: «C'era tantissima gente ammassata, per fortuna sono intervenute le forze dell'ordine»

di Agostino Pantano
5 maggio 2020
17:01
163

Sirene spiegate e volanti che si muovono in assetto da testuggine, nel “lunedi nero” di Gioia Tauro. I testimoni raccontano scene incredibili nel lungomare della città del porto. Qui nel primo giorno della fase 2 avevano tenuto chiuso il cimitero, senza ipotizzare che fossero i muretti della passeggiata la vera tentazione all’assembramento.


«Troppa gente di ogni età con auto e a piedi – descrive Pino Pratticò, della protezione civile gioiese – in particolare i ragazzi formavano assembramenti spesso senza mascherine e qualcuno giustamente ha avvisato le forze dell’ordine che anche con l’uso degli altoparlanti delle volanti ha invitato tutti a lasciare il lungomare». Nessuna multa, ma una tecnica di persuasione in stile militare e tanto è bastato per far assurgere il caso a emblema di quei calabresi che conquistata la libertà, hanno fatto di tutto per trasgredire.


Pochi chilometri a nord, a San Ferdinando con numeri più bassi hanno avuto lo stesso problema e a nulla erano valse le comunicazioni mirate preventive, e i divieti ad hoc. «Avevamo pedonalizzato l’arteria – ricorda il vicesindaco Luca Gaetano – spiegando che si può accedere solo per attività motorie e con divieto di assembramento». Ora i due Comuni corrono ai ripari, anche perché la tentazione di sostare sulla passeggiata sarà una costante dei prossimi mesi. «Le sanzioni sono elevate – conclude Tiziana Malara, sovraordinato dei vigili gioiesi – si rischia una multa che può arrivare fino a 3.000 euro».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio