Cosenza, Torniamo all’Opera: riparte la stagione lirico-sinfonica e concertistica del Rendano

INTERVISTA | Un omaggio ad Astor Piazzolla nel centenario della nascita inaugurerà domenica 7 novembre il cartellone organizzato dall'Associazione Musicale Orfeo Stillo, nel quale spicca la rappresentazione del Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini

39
di Salvatore Bruno
5 novembre 2021
06:34

Al via domenica 7 novembre, al Teatro Rendano, la seconda parte della stagione lirico-sinfonica e concertistica Torniamo all'Opera che dopo aver segnato, nella sua prima parte, una tappa importante della rinnovata collaborazione tra il comune di Cosenza, lo stesso Rendano e il Conservatorio Stanislao Giacomantonio, diretto dal maestro Francesco Perri, si appresta a far vivere al pubblico del teatro di tradizione cosentino, fino alla fine dell'anno, altri otto appuntamenti che portano la firma dell'Associazione Musicale Orfeo Stillo, storico sodalizio che ininterrottamente da 35 anni si occupa, con grande successo, di divulgazione culturale e di promozione, formazione e produzione musicale sull’intero territorio regionale.

Valorizzare i talenti calabresi

Nella mission della Stillo anche la valorizzazione dei giovani emergenti e dei talenti calabresi, in un percorso di affiancamento ad artisti di livello nazionale ed internazionale. Di ampio respiro e di particolare valore artistico la programmazione che l'Associazione, attraverso il direttore artistico, M° Luigi Stillo, e il direttore organizzativo Giusy Ferrara, ha messo in piedi per il Teatro Rendano, per la seconda parte di Torniamo all'opera.


Omaggio ad Astor Piazzolla

Si comincia domenica 7 Novembre, alle ore 18,00, con Vuelvo al Sur, un omaggio al grande Astor Piazzolla in occasione delle celebrazioni dei 100 anni dalla nascita. Non è solo un concerto, ma anche uno spettacolo in cui la musica e la danza dialogano tra loro per suggellare il tributo a Piazzolla. Il Maestro Francesco Perri dirigerà, per l'occasione, l’Orchestra del Mediterraneo San Francesco di Paola, splendida realtà fondata dal giovane direttore d’orchestra Alfredo Salvatore Stillo e che sta diventando punto di riferimento importante per molti professori d’orchestra del territorio. Le orchestrazioni, gli arrangiamenti e le trascrizioni sono di Francesco Perri che, oltre che nella circostanza sarà impegnato anche al pianoforte. Violino solista sarà Pasquale Allegretti Gravina. Lo spettacolo vedrà impegnati anche i tangueros Ciccio Aiello, che cura anche le coreografie, e Ida Luchetta e la ballerina Eleonora Pasqua.

Cartellone variegato

Il 13 novembre in programma il concerto dal titolo Crepusculum: fogli d’album ed estratti d’opera, protagonisti il pluripremiato soprano Giorgia Teodoro, vincitrice di numerosi e prestigiosi concorsi lirici, tra i quali il premio 2019 NuovoImaie, ed il M° Luigi Stillo al pianoforte. Il 21 novembre sarà la volta de Il Maestro di Cappella di Domenico Cimarosa, divertente intermezzo nel quale il direttore d’orchestra Alessandro Tirotta, sempre alla guida dell’Orchestra del Mediterraneo San Francesco di Paola, sarà impegnato nel duplice ruolo di bassobaritono e direttore, mentre, nella seconda parte, si cimenterà nella V Sinfonia di Schubert.

Appuntamento con la lirica

Evento di spicco della programmazione sarà l'opera Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini in programma il 3 dicembre al Rendano, alle ore 20,30. Un’operazione particolarmente impegnativa e molto attesa che riporta, dopo diverso tempo, la produzione operistica al teatro di tradizione cosentino. L'opera sarà diretta da una bacchetta d'eccezione, il maestro Daniele Agiman, direttore di respiro internazionale e direttore artistico e principale dell’Orchestra Sinfonica Rossini di Pesaro. Agiman è una vecchia conoscenza del Rendano di Cosenza per avervi diretto nel 2008 una versione di Tosca di Giacomo Puccini e, nel 2009, Pagliacci di Ruggero Leoncavallo. La regia è di Daniele Piscopo. In carriera le voci di Anna Doris Capitelli che interpreterà Rosina, Gianni Giuga (Figaro), Enrico Iviglia (il Conte D’Almaviva), Matteo D’Apolito (Don Bartolo), Luca Gallo (Don Basilio), Giorgia Teodoro (Berta) e Antonio Fratto (Fiorello). Il coro lirico Cilea sarà diretto da Bruno Tirotta.

Gli altri eventi in calendario

Completano la stagione: il 5 dicembre un concerto di musica da camera con l’affiatato Dionysius piano trio composto da Manuel Arlia al violino, Francesco Valenzisi al violoncello e Daniele Paolillo al pianoforte e che presenterà un programma di grandi capolavori di Hadyn, Rachmaninoff e Beethoven; il 23 dicembre il concerto di Natale per coro e orchestra Christmas with Gjeilo con protagonista l’Orchestra del Mediterraneo San Francesco di Paola diretta dal suo direttore principale, il M° Alfredo Salvatore Stillo, unitamente ai cori Dominicus diretto da Gianfranco Cambareri e Aura Artis, diretto da Saverio Tinto. Appuntamento di chiusura, infine, il 30 dicembre con il Gran galà di fine anno e l'Orchestra del Mediterraneo & friends. Dirigerà il M° Alfredo Salvatore Stillo.

Riparte la cultura

Nell’ottica della valorizzazione dei beni culturali della città, tre appuntamenti si svolgeranno presso il Duomo e, precisamente, il 15 dicembre il recital dell’organista Emanuele Cardi, il 19 dicembre il concerto del Lieto arpa ensemble, diretto da Albarosa Di Lieto, mentre il 28 sarà la volta dell’ensemble vocale Novi Musici diretto da Oreste Calabria. I concerti al Duomo avranno inizio alle ore 19,30 e saranno ad ingresso gratuito.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top