«Educare alla disabilità e accogliere l’uomo per ciò che è»: il coraggio e la poesia di Rosario Rito

Autore di diversi libri di poesie, per il 63enne è «per ognuno di noi vi è un progetto, un’associazione e un fine, tre essenziali verità»

139
di Franco Laratta
23 novembre 2021
11:17
Rosario Rito
Rosario Rito

Rosario Rito, ha 63 anni ed è di Vibo Valentia. La disabilità piega il corpo di una persona, ma non impedisce alla mente, ai pensieri, di essere liberi, come se vivessero al di fuori di un corpo. Rosario è un uomo coraggioso, forte, dotato di un notevole senso dell’ironia grazie al quale affronta e racconta la sua vita. La solitudine, le amarezze, il buio che spesso prova ad avanzare e sopraffare la sua gioia, non fermano la voglia di vivere di Rosario.

«Io sono entrato in istituto all’età di sei anni e sono rientrato per sempre a casa a venti. Cominciai a capire e toccare con mano la mia diversità proprio nel restare a casa. Crescere in istituti con bambini o ragazzi come te, non ti dà l’idea di come ti considera la società. Non voglio dire che non sentivamo di essere chiamati ammalati o handicappati in istituto, ma per renderti conto della considerazione nella società hai bisogno del sapere, dell’esperienza».


Quello che Rosario dice è sempre molto profondo, di grande valore: «Se riflettessimo per un attimo sul perché siamo nati, viviamo e su quali possano essere i veri motivi del nostro sentirci soli e insoddisfatti, forse ci renderemmo conto che tutto questo è scaturito da come ci accettiamo, o più grossolanamente, da come ci accettano gli altri».

Nel pensiero di Rosario, autore di diversi libri, per ognuno di noi vi è un progetto, un’associazione e un fine: «Il progetto fa parte dell’amore dal quale siamo nati, tramite i nostri genitori, l’associazione è la convivenza con gli altri, il fine è il valore che noi abbiamo sia per noi stessi sia per gli altri. La vita dell’uomo è basata su queste tre essenziali verità, e non è vero che il prossimo sussistere sia in corrispondenza alle proprie capacità e forze emotive».

Per Rosario «l'uomo che cammina con le proprie gambe non è come colui che si muove in carrozzella, ma entrambi sono simili in quel Cammin di vita nel quale, tramite il sentimento, sanno riconoscere d’essere vivi e virtuali per coloro che li circondano».

Conclude Rosario: «Educarsi alla disabilità non è altro che accogliere l’uomo per ciò che è e non per ciò che rappresenta, poiché anch’egli può rischiare di appassire come un fiore, se la propria sete di vita, che rappresenta la voglia d’amare e dell’essere amato, non è placata, e se il fiore deve aspettare la primavera per fiorire e la pioggia dal cielo per non appassire, l’uomo deve attendere l’accettazione e l’amore del prossimo, per poter rinascere da quel suo soffrire, che non si basa solo sulla sua realtà fisica o emotiva, ma anche sulla necessità di sentirsi libero di apparire e rappresentarsi esclusivamente come un semplice se stesso».

Rosario Rito, poeta e scrittore, ha pubblicato dal 1981 ad oggi le raccolte di sue poesie: Fratelli, Momenti, la commedia Sete di uguaglianza, Ciao Amico.  Per Pellegrini editore ha scritto Educarsi alla Disabilità, Gesù il pescatore. L’ultimo suo lavoro è Labirinti nel quale si trovano momenti della sua vita dura e intensa. 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top