Catastrofe Covid, 9mila imprese calabresi a un passo dalla chiusura: ed è solo l’inizio

VIDEO | È l'allarme lanciato da Confcommercio: l'87% delle aziende del terziario sono in difficoltà. Pesanti le ripercussioni sull'occupazione: il 32 per cento ha già ridotto il personale e altri 23mila posti di lavoro sono a rischio. Ma può andare peggio se la situazione non cambia

710
di Redazione
28 luglio 2020
15:33

Novemila imprese calabresi del terziario rischiano di scomparire, con una conseguente perdita di oltre 23 mila posti di lavoro. È l'allarme lanciato da Confcommercio Calabria attraverso l'analisi dei dati dello studio condotto da Format Research, sull'impatto dell'emergenza sanitaria sulle aziende calabresi. A causa del lockdown, si evidenzia nel report, molte imprese hanno visto azzerare le proprie entrate: l'87% delle imprese del terziario della regione sono in difficoltà e il 59% degli imprenditori ha dichiarato che il periodo più difficile per quanto riguarda il fabbisogno finanziario è quello compreso tra aprile e settembre 2020.

«La crisi non è alle spalle, ma avanti»

«I dati parlano chiaro: la crisi - ha detto il presidente della Confcommercio Calabria Klaus Algieri - non è alle spalle, ma avanti. Per questo abbiamo intenzione di sottoporre lo studio ai nostri politici, come base di analisi per la progettazione futura, affinché tengano conto delle difficoltà delle nostre imprese per pensare al futuro in modo strutturato. È fondamentale porre in essere misure che consentano una stabilità per le imprese».

Le ripercussioni sull'occupazione

La crisi scaturita a causa della pandemia - secondo quanto riferito durante la presentazione dei dati dal presidente di Format Research Pierluigi Ascani - avrà pesanti ripercussioni sull'occupazione. «Il 62% delle imprese della Calabria - ha sostenuto Ascani - ha adottato o è in procinto di adottare la Cig. Il 32% delle imprese ha già ridotto il personale e il 40% prevede di farlo nei prossimi mesi se la situazione non migliorerà».

La paralisi e gli aiuti statali

Le imprese del terziario (commercio, turismo, servizi) della Calabria - riporta lo studio - sono oltre 94 mila, costituendo il 73% dell'intero tessuto imprenditoriale extra agricolo del territorio. La sospensione delle attività ha comportato la paralisi del tessuto produttivo calabrese e il terziario rischia di perdere nel 2020 circa 2 miliardi di valore aggiunto. Con riferimento all'accesso e al costo del credito, il 40,8% delle imprese lamenta un peggioramento rispetto alla durata dei finanziamenti concessi. Con riferimento alle garanzie richieste, il 72% delle imprese della Calabria ha dichiarato una sostanziale invarianza. Un leggero miglioramento è dovuto all'introduzione delle coperture pubbliche. L'unico dato positivo riguarda le nove modalità di erogazione dei servizi: ad oggi, il 24% delle imprese è presente sui canali e-commerce e il 25% effettua consegne a domicilio. Il 45% delle imprese della Calabria continuerà ad utilizzare il canale e-commerce anche ad emergenza terminata. Il 54% delle imprese continuerà ad effettuare le consegne a domicilio.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio