Mai piu’ morti

Caldo e lavoro nei campi, Tavernise (M5s) a Occhiuto e sindaci: «Subito provvedimenti a tutela dei braccianti»

Dopo la recente morte per un malore sotto il sole cocente di un uomo nel Cosentino, il consigliere regionale chiede misure urgenti: «Si riprenda l'ordinanza di Spirlì del 2021»

11
di Redazione
12 luglio 2022
09:18

La recente morte, nel Cosentino, di un bracciante agricolo stroncato da un malore mentre lavorava sotto il sole cocente, ha provocato la richiesta da più parti di provvedimenti a tutela dei lavoratori esposti, in estate, alle alte temperature e ai rischi ad esse collegati. Sul punto interviene anche il capogruppo del M5s in Consiglio regionale Davide Tavernise.

«La recente morte del bracciante agricolo in Calabria - afferma in una nota - rappresenta l’ennesima ferita ad una popolazione che da decenni chiede alla politica di dare concretezza alla parola dignità. Una morte che nel Sud segue in ordine di tempo quella di diversi braccianti agricoli. Al momento, per questa torrida stagione estiva, nessun provvedimento concreto, in Calabria, si registra a tutela della salute dei cittadini più esposti ai rischi del caldo, come chi è chiamato a svolgere lavoro nei campi».


Tavernise si rivolge al presidente della Regione Occhiuto, ma anche ai sindaci, affinché si muovano in tal senso. «Non solo la Puglia – aggiunge -  anche la Calabria, in realtà, ha vietato l’attività agricola in condizioni di esposizione prolungata al sole. Ma il provvedimento, l’ordinanza numero 44, in materia di igiene e sanità pubblica, risulta firmato il 30 giugno dello scorso anno, dall’allora presidente della Regione Nino Spirlì. Provvedimento, oggi inefficace, che recita: <È vietato il lavoro in condizioni di esposizione prolungata al sole, dalle 12.30 alle ore 16 con efficacia immediata e fino al 31 agosto 2021, sull’intero territorio regionale nelle aree o zone interessate dallo svolgimento di lavoro nel settore agricolo, limitatamente ai soli giorni in cui la mappa del rischio indicata sul sito https://www.worklimate.it/scelta-mappa/sole-attivita-fisica-alta/ riferita a lavoratori esposti al sole con attività fisica intensa ore 12.00, segnali un livello di rischio Alto>. Con conseguenze sanzionatorie, per come dettate dall’art. 650 c.p., in caso di inosservanza degli obblighi prescritti».

«L’auspicio, dunque - conclude Tavernise – è che Occhiuto riprenda quel provvedimento agendo, così, per tutto il territorio regionale, ma i sindaci non si sentano esclusi, perché se la politica regionale dovesse mostrarsi sorda, nel territorio di riferimento possono comunque, allo stesso modo, intervenire. Si tratta, dunque, di un provvedimento che ha nessun colore politico che tutela lavoratori particolarmente esposti ai rischi del caldo. Rischi che possono valere anche per quanti lavorano nei cantieri e nel florovivaismo, per cui in assenza di indicazioni anzitutto le aziende cautelino e tutelino i lavoratori, rispettando le norme generali sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top