Code agli sportelli e burocrazia lumaca: in Calabria la digitalizzazione è ancora all'anno zero

L’innovazione tecnologica arriva in ritardo così i portali e siti web restano prevalentemente consultivi e poco funzionali. A Corigliano-Rossano si tenta il cambiamento e sono stati assunti tre digital manager

2
di Matteo Lauria
18 giugno 2021
11:43

Uno dei processi altamente innovativi del futuro è costituito dalla digitalizzazione della pubblica amministrazione. Se ne parla da oltre un ventennio ma di passi in avanti ne sono stati fatti davvero pochi. A partire dal funzionamento di portali e siti, ancora concepiti alla vecchia maniera, dove le relazioni burocrazia-utente spesso non soddisfano la domanda del cittadino. La Calabria in particolare manca un vero efficientamento dei servizi informatici in larga parte utilizzati come strumento consultivo.

Il gap con le altre regioni

Tra i limiti rinvenuti: linguaggio in eccessivo burocratese e pessima funzionalità. In alcune regioni è possibile cambiare il proprio medico di famiglia tramite i siti delle Asp regionali, in Calabria e nell’Asp di Cosenza, invece, si è costretti alla trafila di sempre, come se nulla fosse cambiato. Problemi per i professionisti (ingegneri, architetti, etc etc) quando entrano in contatto con la farraginosa burocrazia della pubblica amministrazione per via telematica. «Talvolta, osservano alcuni, i tempi si allungano anziché accorciarsi, e ciò che doveva essere una procedura snella si trasforma in un calvario». Ancora file chilometriche per chiarimenti sui tributi, come ai vecchi tempi, o lunghe attese per fissare un semplice appuntamento per un contratto per qualsivoglia servizio comunale. Prima bisogna telefonare e poi fissare un appuntamento direttamente in ufficio magari a distanza di settimane. Insomma non è cambiato nulla. 


Digitalizzare la pubblica amministrazione 

Mettere mano alla digitalizzazione significa efficienza e risparmio, semplificazione, eliminare gli sprechi, ma si traduce anche in atto di trasparenza, di democrazia partecipata, e di moralizzazione della vita pubblica (in particolare il filone della corruzione). Eppure i fondi ci sono e ci sono stati. Che fine hanno fatto? C’è il problema della formazione del personale, ritenuto inadeguato ai mutamenti innovativi, ma è superabile mediante l’attivazione di corsi di formazione e di aggiornamento. Tuttavia su questo tema è anche importante guardare con estrema attenzione ai criteri di selezione in materia concorsuale e soprattutto alla parte attinente i requisiti. Non si può ad esempio immaginare di assumere degli europrogettisti, come è accaduto in qualche comune dello jonio cosentino, e non prevedere nel bando la conoscenza della lingua inglese per poi lamentarsi che la pubblica amministrazione non è adeguata ai tempi.

A Corigliano-Rossano si tenta il cambiamento

Il Governo Draghi ha istituito appositamente un ministero, senza portafoglio, per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale. Tra le priorità: la banda ultra larga; la digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni e delle imprese; le infrastrutture digitali materiali e immateriali. Si sta lavorando nella direzione di potenziare l'utilizzo della carta di identità elettronica come strumento di accertamento dell'identità del cittadino e di accesso del cittadino stesso ai servizi in rete. L’Europa guarda a questo processo con molta attenzione e chiederà conto all’Italia. A Corigliano-Rossano si sta progettando, ma di concreto al momento poco o nulla.

Assunti tre digital manager

L’assessore con delega anche alla Digitalizzazione Mauro Mitidieri, oltre a chiarire alcuni aspetti che riguarda la parte degli archivi punta «alla fluidificazione dei processi amministrativi protesi a consentire ai cittadini di poter fruire di importanti servizi rimanendo a casa, tutelare correttamente dati sensibili, alfabetizzare informaticamente i dipendenti, sincronizzare servizi e settori». A tal riguardo sono stati assunti tre digital manager «i quali, attraverso un confronto quotidiano, hanno già favorito l'adozione di quelle basi informatiche assolutamente necessarie per la successiva costruzione di un comune digitale, obiettivo oggi quanto mai alla nostra portata e che consentirà certamente di digitalizzare processi complessi e non solo archivi».

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top