Riccardo, il sarto che cuce e regala mascherine: «Così aiutiamo Cosenza»

INTERVISTA | Siamo andati a trovare nella sua bottega del centro storico Riccardo Magarò, quotidianamente impegnato insieme ad alcuni collaboratori a realizzare gli introvabili presidi di protezione dal contagio del Covid 19

653
di Salvatore Bruno
14 marzo 2020
12:14

Già nei giorni scorsi ci eravamo occupati di Riccardo Magarò, giovane sarto cosentino impegnato in questi giorni a cucire ed a regalare mascherine di protezione.

Già prodotti 400 pezzi

Siamo andati a trovarlo nella sua bottega di Corso Telesio, dove ha già realizzato insieme ai suoi collavoratori circa 400 pezzi: «Ci serve materiale. Per fortuna, dopo un appello lanciato su facebook, ci hanno portato delle lenzuola e numerosi eleastici. Più cotone abbiamo a disposizione, più mascherine possiamo produrre», spiega. 

Regalate a chi ne ha bisogno

Con i tempi che corrono, avrebbe potuto venderle a peso d’oro. Invece il sarto 23enne originario di Castiglione Cosentino, già affermato nel panorama internazionale, le sta distribuendo gratuitamente alla caritas Diocesana, alle associazioni, alle persone più esposte al rischio di contagio. Persino agli ospedali

Il passaggio con il paniere

Per scrupolo ed evitare ogni contaminazione, le mascherine vengono imbustate e consegnate a chi ne ha necessità attraverso il vecchio sistema del paniere calato dal balcone. Ecco l'intervista.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio