Il decreto

Distretti del cibo in Calabria, dichiarate ammissibili 23 proposte

L'assessore regionale all'Agricoltura Gallo: «Sarà possibile dare vita a sistemi produttivi territoriali finalizzati alla coesione e all'inclusione sociale ed alla crescita dell'occupazione e della competitività delle realtà imprenditoriali locali»

103
di Redazione
18 febbraio 2022
22:04

«La Calabria scommette sui Distretti del cibo. Ormai prossimo al lancio il modello individuato per organizzare i sistemi produttivi agricoli ed agroalimentari locali e promuovere, allo stesso tempo, lo sviluppo delle comunità delle aree rurali, attraverso la valorizzazione della loro identità storica e culturale». Lo riferisce un comunicato dell'ufficio stampa della Giunta regionale.

«Conclusa, a cura del dipartimento Agricoltura - si aggiunge nella nota - la fase istruttoria seguita alla manifestazione d'interesse pubblicata nei mesi scorsi, la Regione ha ufficializzato l'esito delle verifiche svolte in ordine al possesso dei requisiti richiesti, dichiarando ammissibili, attraverso apposito decreto dirigenziale, 23 proposte di istituzione di altrettanti Distretti del cibo, nello specifico così denominati: Piana di Sibari (soggetto pronente Comune di Corigliano-Rossano); Alto Jonio Cosentino (Comune di Oriolo); Territorio rurale Vibonese (Consorzio Gal); Le vie della transumanza (Gal Sila); Montagna del Reventino (Distretto rurale Reventino); Agroalimentare di qualità del Lametino (Comune di Lamezia Terme); Piana di Gioia Tauro e dell'areale dello Stretto (Gal Basso Tirreno reggino); Arberia (società La Molazza); Pollino (Gal Pollino); Medio Jonio Catanzarese e della Valle del Crocchio (Distretto rurale Medio Jonio); Contea del vino Cirò (Comune di Cirò); Eccellenze del Savuto e del Tirreno Cosentino (Gal Savuto Tirreno Serre Cosentine); Serre Cosentine (Comune di Rende); Biofiliere dell'alto Tirreno Cosentino (associazione Baticòs); Tirreno Cosentino-Riviera dei Cedri (Comune di Scalea); Bio-Calabria di Copanello (Gatti Libero); Territorio interprovinciale delle Dop (Consorzio Pecorino Crotonese); Terre Vibonesi (Gal Terre Vibonesi); Le valli di Plinio (Comune di Altomonte); Terre di Pitagora (Camera di Commercio di Crotone); Parco regionale delle Serre e dei territori limitrofi (Parco regionale delle Serre); Grecanico (Aiab Calabria) e Parco marino regionale della Calabria (Ente Parchi marini regionali)».


«Quella dei Distretti del cibo - commenta l'assessore regionale all'Agricoltura, Gianluca Gallo - è un'iniziativa di fondamentale rilievo per la nostra terra, peraltro espressamente indicata come tale nelle linee programmatiche dal Presidente Occhiuto. Il lavoro svolto a partire dalla primavera del 2020 e portato avanti con determinazione dal nuovo Governo regionale entra ora nella fase finale. Una volta ultimate le residue procedure burocratiche, sarà possibile dare vita a sistemi produttivi territoriali finalizzati alla coesione e all'inclusione sociale ed alla crescita dell'occupazione e della competitività delle realtà imprenditoriali locali. Il mosaico che si andrà a comporre, nel solco della concertazione con istituzioni locali, organizzazioni di categoria e forze produttive ed economiche, permetterà di rafforzare le filiere agro-alimentari, il marketing territoriale e l'efficienza delle infrastrutture, con conseguente valorizzazione dell'ambiente e dei paesaggi».

«Trascorso il periodo concesso - prosegue il comunicato - per la presentazione di eventuali ricorsi (al Tar entro 60 giorni, al Presidente della Repubblica nel termine di 120 giorni), la Regione procederà al formale riconoscimento dei Distretti del cibo, mediante una specifica delibera di Giunta, su proposta dell'assessorato all'Agricoltura. A seguire, si procederà all'iscrizione dei Distretti, così ufficialmente riconosciuti, nel Registro nazionale dei Distretti del cibo, tenuto al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali». 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top