Emergenza cinghiali: «Saranno le aziende agricole ad estinguersi»

VIDEO | Il racconto di un imprenditore di Pianopoli testimone di un fenomeno che sta attanagliando tutta la Calabria. La Coldiretti invoca interventi immediati come la sterilizzazione 

396
di Tiziana Bagnato
16 maggio 2019
13:01

«Di questo passo ad estinguersi saranno le aziende agricole. E nessuno se ne sta preoccupando. Eppure, si tratta di realtà che creano lavoro e un circuito di economia per la Calabria e l’intero Paese». A parlare così è Antonio Villella, titolare di un’azienda agricola certificata bio di Pianopoli, nel Lametino, testimone di una categoria, quella degli imprenditori del ramo, messa in ginocchio da colture violate, distrutte, anni e anni di fatica e sudore mandati in fumo da animali selvatici ormai incontrollati e per i quali la caccia è diventata un mero palliativo. In Calabria l’invasione dei terreni agricoli e non solo da parte dei cinghiali è diventata una vera e propria emergenza. Un vaso di Pandora difficile da richiudere, sfuggito di mano. Nel caso di questa azienda i danni importanti sono arrivati nel 2012 e da allora non hanno dato tregua. «Prima avevo dei buoni redditi – ci dice Villella – oggi non abbiamo operai, non ci possiamo permettere di assumere e sono costretto a lavorare con una media di guadagno di quindici-venti euro al giorno».

 

I cinghiali sono sempre di più e sempre più grandi. Nutrendosi dei frutti, distruggono anche le piante. Molti di questi hanno la tubercolosi e grufolando lasciano il virus sulle colture. Ma non solo. Per gli agricoltori irrigare la notte è diventato un vero e proprio rischio ci racconta Villela. Gli animali, complice il silenzio, entrano nei campi proprio nelle ore notturne, portando con sé le numerose cucciolate e attaccano chi temono possa minacciare la loro prole. La Coldiretti da anni su quello che sta diventando un vero e proprio dramma non molla la presa, anzi, lancia un grido di allarme sui nuovi scenari che si stanno disegnando: «Stanno aumentando i pericoli per l’incolumità delle persone, basti pensare agli incidenti causati dai cinghiali. La tubercolosi poi, si sta diffondendo sempre più tra questi animali e contemporanemante – denuncia Pietro Bozzo, dirigente Coldiretti – aumenta nei ristoranti la proposta di piatti a base di cinghiale e non vorrei che si stessero creando mercati paralleli e clandestini». Per Bozzo sono necessari interventi immediati come ad esempio la sterilizzazione.

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio