Il Covid strangola le agenzie di viaggio: «Servono aiuti e vaccini a tappeto»

VIDEO | Dopo tredici mesi di pandemia con vacanze e voli ridotti all'osso, i titolari sono ormai allo stremo. E i sostegni pubblici sono stati irrisori rispetto alle spese da sostenere

303
di Tiziana Bagnato
9 aprile 2021
17:45

Tredici mesi di pandemia, pochi ristori ma insufficienti ad alleviare il peso delle perdite economiche accumulate e delle spese continue. Prosegue l’agonia delle agenzie di viaggio alle quali in zona rossa è consentito lavorare solo on line. Ma non è questo il problema visto che a mancare è proprio il mercato. Gli spostamenti continuano ad essere bloccati, non si sa se, come e quando potranno ripartire e ogni debole luce nel tunnel si è rivelata farlocca.

Le principali categorie di utenti hanno ridotto drasticamente i loro viaggi. Gli studenti universitari, ci spiegano alcuni titolari di agenzie di Lamezia Terme, sono in didattica a distanza e risparmiano i soldi di fitto in altre città, i viaggi di lavoro sono diminuiti drasticamente e anche l’emigrazione sanitaria ha avuto un brusco stop. Ma non solo.


Diventa sempre più difficile che sui voli venga prenotato un numero di posti tale da garantire un guadagno alle compagnie aeree che così annullano di continuo le tratte. I titolari delle agenzie di viaggio sperano in una vaccinazione progressiva e rapida che consenta al settore di rimettersi in marcia. Oltre un anno di ganasce li ha esasperati. I ristori ci sono stati ma irrisori rispetto alle spese da sostenere, ecco perché chiedono quanto meno un sostegno nelle spese vive: fitti, utenze, bollette.

Difficile vedere un orizzonte temporale all’interno del quale collocare una ripartenza e in che termini.  Anche l’opportunità di viaggiare all’estero si è rivelata decisamente fallimentare. Calabresi alle Canarie? Sembra proprio di no ci raccontano gli imprenditori del settore. Pochi, pochissimi i voli messi a disposizione e da Milano, non facilmente raggiungibile in questo periodo a causa dei ripetuti annullamenti delle tratte.  Senza contare il fatto che l’obbligo di quarantena all’arrivo sul posto e al ritorno avrebbero obbligato i viaggiatori ad avere a disposizione un lungo arco temporale da dedicare al progetto di viaggio. 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top