Lavoratori in nero ma con reddito di cittadinanza scoperti nel Reggino

VIDEO | I controlli della Guardia di finanza si sono concentrati nelle campagne di Condofuri. Cinque le aziende interessate

27
di Redazione
22 dicembre 2020
08:40

Scoperti lavoratori in nero nel Reggino. Nel dettaglio, i militari del Comando provinciale della Guardia di finanza di Reggio Calabria, nell’ambito del rafforzamento del dispositivo di contrasto al caporalato e all’impiego di lavoratori “in nero” nei terreni agricoli della Provincia di Reggio Calabria, hanno avviato una capillare attività di ricerca informativa finalizzata ad individuare i campi di coltivazione in cui vengono impiegati braccianti agricoli in violazione della normativa contributiva, previdenziale ed assistenziale.

In particolare, nei giorni scorsi, i finanzieri della Compagnia Melito di Porto Salvo hanno eseguito controlli nelle campagne di Condofuri e, in particolare, nei confronti di 5 aziende agricole.


Nell’ambito delle citate attività ispettive, sono stati individuati complessivamente 17 lavoratori intenti alla raccolta del bergamotto, di cui 10 (3 indiani e 7 italiani) sono risultati, in esito agli accertamenti, completamente irregolari. Per quanto sopra, sono state trasmesse all’Ispettorato Nazionale del Lavoro le segnalazioni per la sospensione delle attività nonché i verbali di contestazione per l’irrogazione della cosiddetta “maxi-sanzione”.

In un caso la multa è aggravata per l’assunzione irregolare di manodopera percettrice di “reddito di cittadinanza”: in un terreno, infatti, i finanzieri hanno constatato la presenza di un percettore del citato beneficio, che sarà segnalato all’Inps per la revoca della prestazione sociale agevolata.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio