Troppe assenze per malattia, nessuna riconciliazione per l'ex dipendente licenziato

VIDEO | I rappresentanti della Sieco, società che gestisce il servizio di raccolta rifiuti a Catanzaro, hanno disertato l'incontro che avrebbe dovuto portare alla conciliazione con Cesare Votta, reso parzialmente invalido dalla sclerosi multipla 

11
di Luana  Costa
6 dicembre 2018
11:47

E' fallito il tentativo di conciliazione intrapreso da Cesare Votta, ex dipendente della Sieco, società che a Catanzaro gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti, licenziato lo scorso luglio per via delle numerose assenze accumulate dal 53enne costretto a curarsi da una malattia che lo ha reso parzialmente invalido: la sclerosi multipla. L'appuntamento era fissato ieri mattina all'Ispettorato del Lavoro ma i rappresentanti dell'azienda hanno disertato l'incontro.

 

Il licenziamento era stato comunicato all'ex dipendente lo scorso 17 luglio con la motivazione di aver oltrepassato il limite di assenze consentito ma adesso Cesare Votta affila le armi e dichiara guerra alla Sieco. Dinnanzi al Tribunale, dove l'ex dipendente ha impugnato il licenziamento assistito dal suo legale, Votta sosterrà infatti che molte assenze sono state determinate dai periodi di sospensione imposti dalla stessa azienda considerata «l'inidoneità a prestare l'attività lavorativa». Nessun tentativo, quindi, di riassegnarlo ad altro ruolo, come pur avvenuto per altri dipendenti impossibilitati a svolgere le mansioni a causa di malattie. Da qui la conclusione amara per l'ex dipendente: «Secondo me è stato più un licenziamento voluto dall'azienda su Votta Cesare».

 

Luana Costa

 

LEGGI ANCHE: Troppe assenze per malattia, ditta licenzia dipendente affetto da sclerosi multipla

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio