Fase 2: si va verso la riapertura il 18 maggio di bar, ristoranti e parrucchieri

Il premier Conte avrebbe accolto le richieste di autonomia delle Regioni. Tuttavia, in base all’andamento dei contagi, l’esecutivo potrà intervenire con nuovi blocchi

129
di Redazione
11 maggio 2020
20:20

Le Regioni potranno riaprire in autonomia le attività a partire dal 18 maggio ma il governo avrà la possibilità di intervenire nel caso in cui, in base all'andamento dei dati sulla curva del contagio e dei criteri definiti dalla circolare del ministero della Salute, fosse necessario bloccare una nuova diffusione del virus. È quanto emerso nel corso dell'incontro tra il governo e le regioni per la Fase 2. Gli interventi saranno tempestivi, viene spiegato, in stretto contatto tra governo e regioni.

Le linee guida per le riaperture

Tra giovedì e venerdì, sulla base dei dati del monitoraggio, arriveranno le linee guida per consentire alle Regioni di riaprire dal 18 maggio commercio al dettaglio, bar e ristoranti, estetisti e parrucchieri. Le regole e i protocolli di sicurezza saranno indicati per ogni attività, viene spiegato, perché possano riaprire nella massima sicurezza.

Autonomia delle Regioni

Giuseppe Conte ha accolto la richiesta di autonomia delle Regioni nella gestione della Fase 2, avanzata nei giorni scorsi con una lettera dei presidenti indirizzata al premier: «Dal 18 maggio – scrive il governatore della Liguria Giovanni Toti sui social- si potranno quindi aprire le attività sotto la nostra responsabilità e in base alle esigenze del territorio. Il Governo farà le sue proposte che verranno integrate da quelle degli enti locali e insieme porteremo avanti il monitoraggio della situazione»

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio