I sindacati: «Situazione disastrosa per i dipendenti dei call center calabresi»

Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil hanno chiesto un incontro con l'amministrazione comunale di Catanzaro per superare le condizioni di precariato in cui versa la classe lavorativa

di Redazione
17 gennaio 2019
16:36
3
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Una situazione critica. È quella prospettata per i dipendenti dei call center calabresi dai segretari generali della Slc Cgil, Daniele Carchidi, della Fistel Cisl, Francesco Canino, e della Uilcom Uil, Fabio Guerriero, che in una nota l'hanno definita «una catastrofe occupazionale e un impoverimento dell’economia locale».

Un dramma sociale

I sindacati hanno inviato oggi alle prefetture calabresi una comunicazione nella quale segnalano «la grave situazione di dramma sociale che sta vivendo il territorio a causa dei mancati rinnovi dei contratti a tempo determinato a seguito dell'entrata in vigore del "Decreto dignità". Senza voler entrare nel merito del provvedimento di legge - proseguono -, onde evitare strumentalizzazioni politiche di vario genere, gli effetti che ne derivano non sono sicuramente quelli auspicati dalla dichiarata volontà del legislatore».

«Superare le condizioni di precariato»

Aggiungono Carchidi, Canino e Guerriero: «Il provvedimento doveva agevolare il superamento delle condizioni di precariato per i tanti contratti a tempo determinato o in somministrazione, favorendo la tanta agognata stabilizzazione. Nei fatti ciò che sta accadendo è totalmente in direzione contraria. In Calabria mille lavoratori hanno già perso il lavoro da luglio a oggi e 500 potrebbero essere coinvolti nei mesi a seguire», hanno concluso.

 

LEGGI ANCHE:

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio