Coronavirus, verso nuovo Dpcm che proroga le misure fino al 31 luglio

Ancora obbligo di mascherine nei luoghi chiusi e divieto di assembramento, controlli più stringenti su aeroporti, porti e luoghi di confine. Via libera del Parlamento dopo le comunicazioni del ministro della Salute Speranza

36
di Redazione
15 luglio 2020
09:03
Il ministro della Salute Roberto Speranza - foto Ansa
Il ministro della Salute Roberto Speranza - foto Ansa

«Il Governo intende emanare un nuovo decreto che proroga fino al 31 luglio le misure», in scadenza, per il contenimento di Covid-19. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella comunicazione in Aula al Senato, illustrando il contenuto del nuovo Dpcm.

Le principali misure prorogate al 31 luglio, elencate da Speranza, sono obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi, obbligo di rispettare i protocolli di sicurezza definiti per la riapertura dei luoghi di lavoro; divieto di assembramenti; sanzioni penali per chi viola l'obbligo di quarantena; divieto di ingresso o quarantena per chi arriva da Paesi extra Eu e controlli più stringenti su aeroporti, porti e luoghi di confine.

 

La «partita per sconfiggere il Covid - ha spiegato il ministro - è tutt'altro che terminata, serve prudenza». «Oggi i contagiati sono 13 milioni e mezzo milione i morti, è evidente che non possiamo abbassare la guardia. Non dividiamoci su questo, anche nella comunità scientifica si dibatte ma nessuno dice che non bisogna mettere le mascherine , mantenere le distanze o lavarsi le mani». 

 

«Non esiste il rischio zero senza il vaccino, non dobbiamo sottovalutare il rischio della pandemia. La circolazione del virus accelera e non perde potenza», ha detto ancora il ministro, che ha confermato la quarantena dai paesi extra Ue. «Per riaccendere la nostra economia - ha rilevato - non dobbiamo arretrare sulle misure di prevenzione, per questo il Governo vuole prorogare il Dpcm fino al 31 luglio. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti. Il divieto di ingresso e transito riguarda ad oggi 13 paesi , aggiorneremo costantemente questa lista e per tutti gli arrivi da paesi extra europei è confermata la quaratena di 14 giorni».

 

Quanto alla riapertura delle scuole in sicurezza, ha detto Speranza, «è la partita più importante, senza la riapertura di tutte le scuole non saremo mai veramente fuori dal lockdown. E' un appuntamento che va gestito con massima cautela e prudenza. Dobbiamo tenere un livello di monitoraggio e il personale scolastico sarà sottoposto a indagine sierologica».

 

L'Aula del Senato ha approvato la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni del ministro della Salute.  Il testo è stato approvato con 154 voti a favore e 129 contrari e impegna il governo a «confermare le misure di prevenzione previste dal decreto del presidente del Consiglio dell'11 giugno scorso e a rafforzare il monitoraggio degli arrivi dai Paesi extra Schengen». Bocciate le risoluzioni dell'opposizione. In tutto ne sono state presentate tre: una a firma della Lega, un'altra di Forza Italia e una terza 'comune' presentata successivamente a nome di tutto il centrodestra (compreso Fratelli d'Italia, quindi).

 

Anche alla Camera, dopo le comunicazioni del ministro Speranza, è stato approvato il nuovo DPCM con cui estendere le misure di contenimento attive fino a oggi.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio