Coronavirus, positivi in Italia: superata quota mille in un giorno, come a maggio

Non si ferma il boom dei contagi per il Covid: sono 1.071 i nuovi casi registrati nelle ultime 24. Tre i morti, in calo a fronte dei 9 registrati venerdì. Lazio prima per contagi e ricoverati, superata la Lombardia

270
22 agosto 2020
18:31

Non si ferma il boom dei contagi per il Covid: sono 1.071 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore in Italia. Era dal 12 maggio che non si superava quota mille. Sono 3 i morti, dato in calo a fronte dei 9 registrati venerdì. In calo i tamponi: 77 mila, oltre 5mila in più rispetto a ieri. Questi i dati del ministero della Salute. 

 


In calo le terapie intensive, +825 in isolamento a casa - Sono in calo (-5) le terapie intensive legate al Covid, mentre i ricoveri con sintomi sono cresciuti (+5). I contagiati in isolamento domiciliare sono 825, dato che rappresenta anche l'incremento degli attuali positivi (17.503). Sono i dati forniti dal ministero della Salute. I guariti oggi sono 243 (ieri erano stati 274) per un totale di 205.203.

 

Lazio prima per contagi e ricoverati, superata la Lombardia - Dai dati diffusi sabato, il Lazio è la regione che regista il maggior numero di contagiati (215) e di ricoverati con sintomi (265), superando la Lombardia (rispettivamente 185 casi e 148 malati) che ha però il maggior numero di terapie intensive (14) ma non registra alcun decesso. Secondo i dati del ministero della Salute, il Veneto con 160 nuovi casi è al terzo posto seguito a distanza dall'Emilia Romagna con 80 nuovi contagi. Soltanto la Valle d'Aosta oggi registra zero nuovi casi, mentre il Molise ne registra uno e tre la Basilicata.

 

Iss, indice Rt potrebbe essere sottostimato - L'indice di contagiosità Rt "potrebbe sottostimare leggermente la reale trasmissione del virus a livello nazionale" in quanto il suo valore attuale, pari a 0,83 relativamente al periodo compreso fra il 30 luglio e il 12 agosto 2020, è stato calcolato "sui soli casi sintomatici". Lo rileva l'Istituto Superiore di Sanità (Iss) nel bollettino settimanale sull'evoluzione dell'epidemia pubblicato oggi.  L'indice pari a 0,83, rileva l'Iss, "indica che, al netto dei casi asintomatici identificati attraverso attività di screening/tracciamento dei contatti e dei casi importati da Stato estero (categorie non mutualmente esclusive), il numero di casi sintomatici diagnosticati nel nostro Paese è stato sostanzialmente stazionario nelle scorse settimane". Nel documento si rileva quindi che "n questo particolare momento dell'epidemia l'indice di trasmissione (Rt) calcolato sui casi sintomatici, pur rimanendo l'indicatore più affidabile a livello regionale e confrontabile nel tempo per il monitoraggio della trasmissibilità, potrebbe sottostimare leggermente la reale trasmissione del virus a livello nazionale. Pertanto l'Rt nazionale deve essere sempre interpretato tenendo anche in considerazione il dato di incidenza".

 

Bonaccini non condivide l'ipotesi avanzata dal collega campano De Luca di replicare il blocco degli spostamenti tra le regioni. "In questo momento mi pare di no. Dopodichè si segue sempre l'evoluzione del virus e poi si discute tra Regioni e Governo. Insomma in questo momento mi pare di no. Bisogna sempre tenere monitorata la situazione perché quelli che parlano il giorno dopo mi hanno sempre fatto abbastanza pena".

 

Sulla stessa linea il governatore Toti: "Chi parla di rischio riapertura delle scuole - sostiene il presidente della Liguria, Giovanni Toti - credo non faccia il bene di questo Paese. In questo momento non c'è un'emergenza clinico-sanitaria nei nostri ospedali. I contagiati aumentano: credo che sia fisiologico in un periodo in cui la gente va in giro, ci sono state le ferie, si è riaperto il Paese. Dobbiamo essere capaci di gestirli senza tornare a terrorizzare questo Paese. Il lockdown - prosegue - non era indispensabile in tutto il paese. Alcune regioni se l'avessero anticipato avrebbe fatto bene invece abbiamo aspettato decisioni uniformi del Governo nazionale perché questo era l'indirizzo e la pressione. In altri luoghi se non si fosse proprio fatto non sarebbe cambiato granché. Questo - ha concluso - è quello che fa la Germania in un piano per le pandemie elaborato tempo prima dal governo centrale, ha poi lasciato ai Lander la più ampia autonomia. Vale per l'economia e vale per la legislazione per quanto mi riguarda".

"A Civitavecchia da ieri sera attivo anche il drive-in al porto (piazzale della Pace). I viaggiatori di rientro da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e Sardegna possono recarsi in ognuno dei drive-in regionali presenti sul territorio per effettuare il test". Lo comunica l'Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio. 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio