650 chili di cocaina tra i sacchi di caffè, maxi-sequestro a Livorno

I finanzieri hanno monitorato la nave da prima che entrasse in porto, per evitare che la droga fosse trasbordata in mare

24
di Redazione
30 gennaio 2019
17:23
Il sequestro
Il sequestro

Quasi 650 chili di cocaina sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza e dall'Agenzia delle Dogane nel porto di Livorno: divisa in 582 panetti, la droga era in 23 borsoni nascosti all'interno di un container contenente caffè. 

L’operazione

Secondo le Fiamme Gialle si tratta di uno dei più importanti sequestri degli ultimi dieci anni, al quale si è arrivati grazie all'analisi delle spedizioni ritenute a rischio, in particolare quelle provenienti da paesi del centro e sud America. Il container era a bordo di una nave portoghese proveniente da Algericas, in Spagna. Le indagini - partite da una segnalazione dell'Antidroga (Dcsa) e coordinate dal procuratore di Livorno Ettore Squillace Greco con il procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo - hanno accertato che il container era stato spedito da una società in Honduras e imbarcato a Puerto Cortes per poi essere trasferito su un'altra nave a Moin, in Costa Rica, diretta a Barcellona.

 

La droga tra i sacchi di caffè

Il container sarebbe poi dovuto finire ad un'azienda di Madrid, dove però non è mai arrivato. I finanzieri hanno monitorato la nave da prima che entrasse in porto, per evitare che la droga fosse trasbordata in mare. Una volta accertato che nessuno si è avvicinato all'imbarcazione durante la ultime fasi di navigazione verso il porto di Livorno, i finanzieri sono saliti a bordo appena la nave ha ormeggiato, per ispezionare i container sospetti. La droga era in quello contenente sacchi di caffè, nascosta in dei borsoni contrassegnati con una X.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio