Inchiesta mascherine, tra gli indagati anche la calabrese Chaouqui

La donna nata a San Sosti in provincia di Cosenza è accusata dalla procura di Roma di ricettazione

11
5 dicembre 2020
19:00
Francesca Immacolata Chaouqui
Francesca Immacolata Chaouqui

C’è anche la calabrese Francesca Immacolata Chaouqui tra i quattro indagati dalla procura di Roma per l’acquisto di 800 milioni di mascherine dalla Cina durante la prima ondata di pandemia. Una commessa da 72 milioni di euro.


I quattro sono accusati, a vario titolo, di traffico di influenze illecite e ricettazione.


E la calabrese Chaouqui, nata a San Sosti, in provincia di Cosenza, è indagata proprio di ricettazione. La donna, si ricorderà, era rimasta coinvolta nello scandalo Vatileaks.

Insieme a Chaouqui sono finiti nel registro degli indagati anche Andrea Vincenzo Tommasi, Mario Benotti e Antonella Appulo.


I finanzieri del nucleo valutario della Guardia di Finanza, coordinati dal procuratore aggiunto Paolo Ielo, hanno proceduto ad una serie di perquisizioni nelle società riconducibili agli indagati e acquisizioni documentali presso la protezione civile, estranea all'indagine.

Il commissario Arcuri è estraneo alle indagini.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top