Covid, Italia terza al mondo per contagi giornalieri: epidemia “fuori controllo”

Indice  peggiore solo negli Stati Uniti e in India. La flessione della curva registrata negli ultimi giorni potrebbe essere causata solo dal fatto che è saltato il sistema di tracciamento. Ecco tutti i numeri

98
12 novembre 2020
13:39

L’Italia risulta al terzo posto nel mondo per nuovi casi giornalieri di Covid, dopo India e Stati Uniti, primi al mondo per numero totale di casi e vittime. È quanto emerge dai dati costantemente aggiornati dell’Organizzazione mondiale della sanità.

 


Nelle ultime 24 ore, sono 35.090 i nuovi casi registrati nel nostro Paese, a fronte dei 47.905 dell’India e dei 133.935 degli Usa. Rispetto a quanto succede nel resto del mondo, risulta molto alto anche il numero di morti, con 580 decessi nelle ultime 24 ore, cifra che attesta l’Italia al 4° posto per numero di vittime, preceduta da Messico (617), Francia (1.220) e Stati Uniti (1.846).


Dati preoccupanti e complementari al superamento del limite dell’1 per cento della popolazione italiana contagiata, una soglia oltre la quale l’epidemia si definisce “fuori controllo”.
«Ieri abbiamo superato i 600.000 casi attualmente positivi, ovvero in isolamento domiciliare, ricoverati con sintomi e in terapia intensiva – ha spiegato il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, intervenendo alla trasmissione Agorà su Rai 3 - Questo è un dato importante perché, come sappiamo, un'epidemia si definisce 'fuori controllo' nel momento in cui i positivi superano l'1% della popolazione e ieri, oltre ad aver superato il milione di casi da inizio pandemia, abbiamo sfondato questa soglia percentuale».

 

E ha aggiunto: «Usiamo un sistema di monitoraggio che invece che utilizzare un binocolo utilizza uno specchietto retrovisore, perché fotografa dati che non sono recenti. Ovvero se si prendono decisioni restrittive basate su dati di 2 o 3 settimane fa, la corsa del virus non può essere fermata». Negli ultimi giorni, ha concluso, «si intravede una piccolissima riduzione dell'incremento di casi positivi ma dobbiamo aspettare una stabilizzazione, perché la diminuzione può anche esser dovuta al fatto che il sistema di testing è saltato in alcune regioni».

 

In una settimana sono cresciuti del 70% i decessi da Covid in Italia, toccando in 7 giorni quasi i 3.000. In particolare, dal 4 al 10 novembre sono decedute 2.918 persone con infezione da Sars-Cov-2 a fronte delle 1.712 della settimana precedente, emerge ancora dal nuovo monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe.


Negli ultimi 30 giorni si sono verificati 19.217 contagi tra gli operatori sanitari rispetto ai 1.650 dei 30 giorni precedenti. Questo è uno degli aspetti critici rispetto alla gestione e all'evoluzione dell'epidemia, secondo il presidente Nino Cartabellotta, che afferma: «Oltre al rischio di focolai ospedalieri, in RSA e in ambienti protetti, preoccupa l'impatto sul personale sanitario, già in carenza di organico oltre che provato dalla prima ondata».


Il 53% dei posti letto nei reparti di medicina, a livello nazionale, è ormai occupato da pazienti Covid (+1 rispetto ai dati del 10 novembre), e il valore del 40% definito come 'soglia critica' è superato da 12 regioni. Lo rileva il monitoraggio dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali (Agenas) basato su dati aggiornati a ieri, 11 novembre, da cui emerge anche che il 34% delle terapie intensive italiane è occupato da pazienti Covid (-3% rispetto ai dati del 10 novembre), e il valore del 30%, definito come 'soglia critica', viene superato in 10 regioni.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio